2 dicembre 2016

Terza giornata a Sepang, Lorenzo è imprendibile

I tre migliori tempi segnati dai protagonisti della scorsa stagione nel giorno conclusivo di test MotoGP™ in Malesia. Domina Lorenzo.

Si conclude nel segno dei nomi di spessore il terzo giorno di test ufficiali in Malesia. Lorenzo, Rossi, Marquez, Cruntchlowc, Stoner, Pedrosa. I primi cinque tempi saranno i protagonisti della stagione 2016? Possibile, e sicuramente li rivedremo spingere al massimo tra dieci giorni in Australia. Il campione del mondo in carica si dimostra per il secondo giorno imprendibile abbassando passaggio dopo passaggio i suoi migliori tempi e abbattendo il muro dei due minuti a fine prove inoltre, è l’unico in questi giorni di test, sull’1’59s. Ma andiamo per ordine.

La pioggia è stata una minaccia nelle prove di questo mercoledì bagnando l’asfalto in due occasioni mentre il caldo è stato ancora protagonista fisso insieme all’umidità dell’aria. Il primo ad uscire per testare le condizioni della pista è stato il collaudatore Yamaha Katsuyuki Nakasuga poi, mentre il sole asciugava l’asfalto, sempre più piloti hanno iniziato a girare. Andrea Iannone è stato uno dei primi e l’italiano con anche una piccola caduta.

Le scuderie hanno continuato il lavoro delle giornate precedenti, forti di due giorni in più di apprendimento con le nuove gomme e l’elettronica 2016.

Il primo giro di riferimento è arrivato da Jorge Lorenzo, uno degli ultimi a prendere parte ai test. Il maiorchino ha fissato un 2’00.882s al suo quarto passaggio. In pista anche Casey Stoner che ha provato la GP 15 e subito ha preso contatto con i più veloci impressionando.

Lorenzo ha migliorato ancora il suo passo con un 2’00.016s ed iniziando la sua cavalcata. Il compagno di box Valentino Rossi ha messo a referto un 2’00.556s mentre Marc Marquez, terzo migliore, li inseguiva a poco più di un secondo dal leader. Repsol Honda ha così trovato almeno con il campione di Cervera la giusta erogazione della potenza sull’asfalto.

Durante la fase centrale di pista asciutta si sono registrati i dritti di Yonny Hernandez alla curva 1 e di Tito Rabat alla curva 5, ma nulla di preoccupante per il rookie di Estrella Galicia 0,0 Marc VDS. Dopo un martedì da ricordare il mercoledì si è rivelato più difficile per Danilo Petrucci di Ducati Pramac, afflitto da diversi problemi meccanici alla fine è stato il settimo della giornata.

A quaranta minuti dalla fine delle prove Lorenzo abbatte il muro dei 2 minuti, 1’59,966s al suo 25esimo giro dimostrando di avere un passo già da campionato. Tempo ancora abbassato e record dei test al termine della sessione, 1’59,580s mentre, qualche passaggio prima, aveva conquistato un 1’59.595s. Segno che la Movistar Yamaha in mano a Lorenzo può essere costantemente velocissima anche quest’anno. Un tempone quello del campione del mondo in carica considerando l’uso delle gomme dure ma lontano dallo storico 1’58.867s di Marquez nel 2014.

Jorge Lorenzo: “I tempi a volte parlano da soli, molto buoni e arrivati con una nuova elettronica e con una gomma posteriore dura. Sono molto contento delle Michelin, mi hanno dato un grande passo e ho già un buon feeling. Hanno fatto un grande lavoro sulle gomme, le sento simili a quelle dell’anno scorso. In generale mi sono sentito molto veloce durante questi tre giorni. Devo ancora migliorare la mia condizione fisica; a Phillip Island saremo più forti e in grado di compiere anche una simulazione di gara”.

Come Lorenzo, il miglior tempo di Rossi è venuto con gomma dura e il pesarese è stato più lento di 0.976 secondi rispetto al suo compagno di squadra nel miglior passaggio. Marc Marquez ha fissato la sua terza posizione con il tempo di 2’00.843s.

Riguardo alle gomme è stato confermato da più parti il miglior comportamento sulla pista delle soft ma l’uso dei pneumatici hard e medi è stato esteso a tutti dopo l’incidente di Baz martedì. Ci sarà modo di provare intensamente la panoramica completa delle nuove Michelin a Phillip Island.

La classifica combinata dei tempi nelle tre giornate vede alle prime posizioni rispettivamente Lorenzo, Petrucci, Barberà, Rossi e Marquez; sesto Cal Crutchlow e la Ducati di Scott Redding in settima posizione con il miglior tempo segnato martedì. Andrea Iannone è solo 0.003s dietro il pilota satellite mentre Stoner nonostante la buona prova dell’ultimo giorno è nono.

Con oltre 150 giri in questi test Bradley Smith resta dentro i primi dieci a 1.5 secondi da Lorenzo e davanti a Dani Pedrosa, undicesimo generale. Maverick Viñales ha portato la Suzuki al dodicesimo posto con Aleix Espargaro a seguire; il team Ecstar ha in programma di provare il nuovo cambio Australia.

Yonny Hernandez segna il quattordicesimo miglior tempo combinato davanti ad Andrea Dovizioso che ha stabilito un miglior passaggi di 2’01.675s nei tre giorni. Pol Espargaro, nonostante i due incidenti di martedì alla curva cinque, è riuscito a migliorare il suo tempo nell’ultima giornata: è il sedicesimo. Il rookie Tito Rabat ha concluso il suo secondo test ufficiale MotoGP™ con il diciassettesimo tempo mentre Stefan Bradl su una moto che attende ancora l’evoluzione per l’anno nuovo ha conquistato un diciottesimo posto di tutto rispetto.

Dopo la caduta a 290 chilometri all’ora di martedì Loris Baz è più veloce nell’ultimo giorno di prove terminando il test all’interno della top venti davanti al collaudatore Yamaha Katsuyuki Nakasuga, ventesimo. Alvaro Bautista è 21esimo con un tempo di 2’02.876s e si prepara al debutto della nuova Aprilia già dai test in Qatar. Eugene Laverty, anch’egli in pista mercoledì dopo una caduta il giorno prima, chiude la classifica dei tempi combinati con alle spalle Michele Pirro.

L’appuntamento con i secondi test ufficiali MotoGP™ 2016 è a Phillip Island dal 17 al 19 febbraio; da quella data mancherà un solo mese al via del primo GP stagionale in Qatar.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.