7 dicembre 2016

Roma – Marchini: “Affittopoli? Tronca ha scoperto l’acqua calda. Vigliacco gettare la colpa sui dirigenti”

Alfio Marchini è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulla questione Affittopoli a Roma. “Un anno fa –ha affermato Marchini-, abbiamo denunciato in due trasmissioni sulla Rai quello che oggi emerge. Chi governava allora diceva che era tutto falso. Oggi si scopre l’acqua calda e anche abbastanza in modo vigliacco si scarica la responsabilità ai dirigenti. La responsabilità è politica di chi ha governato in questi anni. Basta con questo meccanismo di scaricabarile. E’ il modo di una sinistra che non è al livello della sua storia. Non è Tronca che sbaglia, è la politica che in silenzio cerca di far dimenticare ai romani di chi è la colpa dello scempio di questo scandalo che penalizza i cittadini romani. Se questi immobili fossero messi a reddito in modo intelligente, si potrebbero abbassare le tasse. Fra pochi mesi i romani saranno chiamati alle urne e potranno decidere se cambiare le cose o meno, se decideranno di no sarà anche colpa loro. Ci sono interessi privati dietro appalti pubblici. Si è governato promettendo case in cambio di voti. Ora però i soldi sono finiti. Il voto di scambio, gli immobili di scambio non devono esistere. Questo meccanismo è la foto di un sistema che va avanti da decenni. Il dirigente firma e avalla una visione politica sbagliata, ma dire che da 20 anni nessuno sa qual è il patrimonio immobiliare di Roma per colpa dei dirigenti è ridicolo. Il dirigente esegue quello che la politica gli dice di fare. Prima si punisce chi ha la responsabilità politica, poi anche chi ha avallato queste scelte. Ci fosse stato un politico che abbia detto di aver sbagliato”.

Sulle elezioni amministrative. “E’ ora che i romani si sveglino –ha spiegato Marchini- e diano il voto a programmi seri e non a chi gli racconta frottole. Il tema è che Roma è in una situazione drammatica, emergenziale. Il regolamento che consente al sindaco di fare alcune violazioni è vincolato al Consiglio Comunale, che ha un regolamento che prevede il consociativismo per ingessare l’attività politica. Dopo le elezioni ci saranno 5-6 gruppi e chi vincerà avrà ancora più difficoltà a governare questa città. Ognuno è più preoccupato ad affermare la propria identità. Serve uno schieramento che possa aggregare più forze possibili. E’ Roma che ci impone le proprie condizioni. Bisogna costruire uno schieramento che sia il più ampio possibile. Prendo atto che il Pd fa una politica ad escludere, il centrosinistra è finito. Prendo atto anche che i 5 Stelle sono chiusi dentro un loro meccanismo volto ad escludere. Reputo che sia responsabile cercare di creare uno schieramento moderato più ampio possibile che rispetti le diverse identità culturali, con un progetto coeso per un rinnovamento puntuale di Roma e non un’armata Brancaleone. Primarie allargate? Sabato facciamo qualcosa per i corpi intermedi, le categorie, le associazioni, i professionisti che vanno valorizzati, non rottamati. Sono elementi fondamentali a maggior ragione in un momento di crisi. Un programma non può che nascere da coloro che svolgono attività. Bisogna passare dal basso, dal coinvolgimento di un popolo che si mette in marcia. No ammucchiate, ma diverse identità coese su un’unica programma”.

Fonte: Radio Cusano Campus