Ladispoli – Il M5S risponde all’amministrazione sul tema della raccolta differenziata

Qualche giorno fa abbiamo avuto modo di leggere un esilarante comunicato sulla raccolta differenziata dove l’amministrazione comunale, autoincensandosi sui risultati ottenuti, concludeva l’articolo invitando il movimento 5 stelle ad “assistere per imparare evitando di commentare, considerato che dove loro governano non sono nemmeno riusciti a cominciare la raccolta differenziata”. 

Poiché siamo stati chiamati in causa, desideriamo rispondere a questa provocazione riprendendo il discorso sulla RD a Ladispoli.

  1. Parma, comune a guida 5 stelle, con 200.000 abitanti, ha da tempo superato il 65% di raccolta differenziata, passando da luglio 2015 alla tariffa puntuale (paghi quanta spazzatura produci), per cui una famiglia di 3 persone che vive in un appartamento di 100 metri quadri può pagare solo 236 euro all’anno di TARI…questa è quasi la tariffa che a Ladispoli paga una sola persona in una casa di uguale metratura.
  2. Che ci siano problemi nella raccolta dei rifiuti a Ladispoli lo dice non solo il M5S ma tutta l’opposizione e persino parte della maggioranza. Noi che siamo fuori dal consiglio comunale ci chiediamo dove fossero queste persone quando si definivano i criteri per il bando di gara e poi lo si approvava…dormivano? Questo appalto presenta livelli di follia assoluta laddove prevede non solo che i ricavi della vendita dei materiali raccolti (carta, plastica ecc…) vadano alla ditta che ha vinto l’appalto ma che addirittura, se si superano certe percentuali di raccolta, la ditta avrà un aumento del compenso da parte dell’amministrazione (circa 200.000 euro in 4 anni), e ai cittadini che effettuano correttamente la raccolta cosa si concede? Assolutamente niente! neanche la consegna delle buste per la raccolta dell’umido, sacchetti peraltro regolarmente pagati dai contribuenti.
  3. In realtà però qualcosa ai cittadini si sta dando: i famigerati bollini rossi sui bidoni. Bollini che però non spiegano dove sta l’errore, magari qualcuno in buona fede sbaglia conferimento e continuerà a farlo finché non si spiegherà loro esattamente in cosa hanno sbagliato. Ci auguriamo che nessuna multa venga emessa con questo sistema, in caso contrario il M5S è pronto a dare assistenza a tutti i cittadini per effettuare ricorsi contro queste multe.
  4. Se poi facciamo un passo indietro scopriamo che la raccolta differenziata stradale è cominciata a Ladispoli nel 2000, la raccolta porta a porta prima al Miami nel 2006 e poi al Cerreto nel 2008 (sempre con amministrazioni di sinistra con Paliotta in giunta), un vero esempio di rapidità!

Per questi e tanti altri motivi, che per ragioni di spazio siamo costretti ad omettere, invitiamo gli amministratori pentastellati a NON seguire l’esempio di Ladispoli.

Invitiamo invece i cittadini a venire ai nostri banchetti o a scrivere alla nostra email, per conoscere le proposte del M5S sulla gestione dell’igiene urbana, sulla TARI e sulla pulizia delle strade. È necessario attuare un sistema premiante per i ladispolani che ogni giorno si impegnano nell’effettuare la raccolta differenziata, non per far gongolare quest’amministrazione ma per il bene dell’ambiente, delle casse comunali e di quelle di tutti i cittadini.

Movimento 5 Stelle –  MU di Ladispoli

Informazioni su Ruggero Terlizzi 3042 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it