10 dicembre 2016

Seconda giornata di testa a Sepang, Petrucci è primo

L’italiano della scuderia Ducati Pramac segna il miglior tempo nel giorno delle cadute, spaventosa quella di Baz.

La seconda giornata dei test MotoGP™ a Sepang è stata caratterizzata dalle molte cadute, su tutte, quella da brividi di Loris Baz. La tabella dei tempi racconta invece di un Danilo Petrucci davanti a tutti con la sua GP 15 vestita Octo Pramac. L’italiano ha inanellato una serie di giri veloci con il migliore di 2’00.095s andando oltre mezzo secondo più veloce di Lorenzo, leader del primo giorno di test.

La notizia dal grande spessore scenico è la caduta di Baz. Le immagini riprese da una telecamera sul circuito mostrano la moto del francese, lanciata a circa 260 Km/h sul rettilineo del traguardo, subire un contraccolpo e cadere sull’asfalto scivolando tra le scintille per tutto il rettifilo con il pilota a lato. Miracolosamente ferito di qualche escoriazione, il 23enne portacolori del team Avintia Ducati racconterà di aver sentito un fischio sul posteriore prima di impattare contro il suolo. Sulle cause ci si interroga: forse un problema al motore o alla sospensione, forse ancora, direttamente alla gomma. Michelin ha invitato a non usare più il tipo di pneumatico montato dalla Ducati da Baz: mescola morbida e indispensabile per le alte temperature dell’International Sepang Circuit; la casa francese ha anche dichiarato che saranno effettuate ulteriori verifiche per accertare le cause esatte dell’incidente che potrebbe essere legato magari a più variabili, come ad esempio la combinazione tra assetto della moto e pressione dello pneumatico, forse troppo bassa. Tra le possibili cause della caduta anche la totale estraneità della gomma e, più semplicemente, un cedimento strutturale della sospensione. Baz dopo l’incidente è ritornato coraggiosamente in pista segnando il diciannovesimo tempo in classifica.

Anche la ricerca della performance ha determinato alcune cadute nel day 2 di Sepang. È il caso di Pol Espargaro che ha fatto prima un tempo di 2’01.992s poi un dritto alla curva 5. Anche Jorge Lorenzo ha subito la stessa sorte alla stessa curva cadendo e danneggiando la sua Movistar Yamaha sul lato sinistro. Fortunatamente nessuna conseguenza fisica per il maiorchino. Tito Rabat, l’unico rookie in MotoGP™ quest’anno, è caduto invece alla curva 15 senza gravi danni e migliorando il suo tempo poco prima dell’out.

Anche per Dani Pedrosa la curva 5 si è rivelata stregata: caduta senza gravi conseguenze ma ritardo sulla tabella di marcia per rendere ottimale la moto; un martedì grigio per il ragazzo di Sabadell, solo dodicesimo. Si è spinto tanto nei giri finali; Lorenzo, nonostante il fuoripista, è stato in grado di conquistare un 2’00.155s negli ultimi trenta minuti di prove arrivando appena a 0.060s dal leader Petrucci.

A completare le prime tre migliori posizioni in tabella tempi Hector Barbera, team Ducati Avintia, che ha fatto un perfetto uso delle gomme morbide prima che la caduta del compagno di squadra segnasse la loro uscita di scena. Importanti miglioramenti per Marquez che nel secondo giorno di test è finalmente arrivato a ridosso dei più veloci a soli 0.750s da Petrucci. Il giovane campione ha preceduto Cal Crutchlow, quinto con un tempo di 2’00.899s.

Valentino Rossi ha raggiunto il suo obiettivo ed è rimasto a meno di un secondo dal suo compagno di squadra, sesta posizione per il pesarese. Dietro di lui Scott Redding che vede non così da lontano l’altra Ducati Pramac ma, soprattutto, mostra un team satellite più veloce di quello ufficiale nel secondo giorno di prove.

Andrea Iannone con l’ottavo tempo è infatti il primo dei piloti Ducati Racing. The Maniac ha però lavorato esclusivamente sulla GP 16. L’attenzione, oltre ad essere monopolizzata dalla caduta di Baz, è stata rivolta a una evento dalla portata storica: il ritorno in un test ufficiale di Casey Stoner. Il Campione del Mondo 2007 e 2011 ha messo a referto un buon 2’01.103s terminando nono davanti ad Andrea Dovizioso, terzo pilota in sella alla Ducati ufficiale e quattordicesimo.

In ritardo Bradley Smith, decimo su Monster Yamaha Tech e, a 0.314 secondi, Maverick Viñales di Suzuki Team.

Verso la fine della giornata un’altra piccola caduta, il lungo di Yonny Hernandez che alla fine sarà tredicesimo, mentre, i due fratelli Espargaro li troviamo nelle posizioni successive: Pol, su Yamaha, è quindicesimo mentre Aleix, su Suzuki, sedicesimo. Il suo compagno di scuderia Eugene Laverty è caduto nel primo giorno di test e martedì era ai box; il referto iniziale ha parlato di una rottura del polso ma successivamente l’allarme è rientrato; il nord irlandese del team Suzuki ha solo subito una botta alla mano e al braccio destro, nel terzo giorno di prove si deciderà se potrà o meno riprendere a guidare.

Sia Stefan Bradl, sia Alvaro Bautista hanno migliorato i loro tempi di lunedì piazzandosi rispettivamente diciottesimo con un 2’02.372s e ventunesimo. Un piccolo passo in più per Aprilia Racing costretta come molti altri team a sospendere il lavoro in pista dopo l’incidente di Baz.

Appuntamento a mercoledì ore 10:00 locali per il terzo ed ultimo giorno di test ufficiali. motogp.com offrirà ancora una volta la copertura completa e l’analisi approfondita di tutta la giornata.
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5990 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.