3 dicembre 2016

Salva banche, On. Pesco, M5S: “Bankitalia abusa dei propri poteri per avvantaggiare alcune banche”

L’On. Daniele Pesco, deputato del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Bilancio di Montecitorio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“I risparmiatori che hanno perso tutto con il fallimento delle 4 banche –ha affermato Pesco- sono stati presi a pesci in faccia prima dalle stesse banche che gli hanno venduto strumenti insicuri spacciandoli per sicuri, poi dal governo che col decreto salva banche hanno detto che 4 banche erano fallite. Secondo noi non avevano diritto di decretare questo fallimento. Per quale motivo non gli è stata data la possibilità di risanare i propri conti, ad esempio vendendo le sofferenze? Non c’erano dei creditori che bussavano alle porte, il fallimento è stato imposto da Bankitalia per sicurezza. Ma i conti correnti dei risparmiatori erano già assicurati. Secondo noi è stato un abuso. Non è stata una scelta oculata. Bankitalia stava monitorando queste banche da decenni, ha trascinato il commissariamento per mesi e mesi. Secondo noi non hanno voluto mettere a posto le cose. Secondo me spesso Bankitalia abusa dei propri poteri cercando di avvantaggiare qualche altra banca. Lo abbiamo visto nei casi legati a Banca Popolare di Spoleto e Bene Banca. Ogni tanto secondo me vi è una forzatura spesso nelle scelte di Bankitalia e temiamo che il caso del Salva banche sia uno di questi. E’ una montatura fatta a tavolino per interessi diffusi, che non sono quelli dei risparmiatori. Che senso ha un arbitrato deciso da Bankitalia, ovvero dalla stessa autorità che ha deciso il fallimento delle 4 banche?”

Fonte: Radio Cusano Campus