Roma – Raffica di arresti nel week end, fermate tredici persone

Quello che si è appena concluso è stato un fine settimana di arresti per la Polizia di Stato della capitale; lo spaccio è il reato che ha portato dietro le sbarre il maggior numero di persone, seguito da furto, rapina e resistenza a pubblico ufficiale.




Gli uomini del commissariato Esquilino, durante un servizio straordinario di controllo del territorio, hanno arrestato due africani di 24 e 22 anni; il primo è stato sorpreso mentre cedeva delle dosi di “fumo”, il secondo, che è stato individuato dalle unità cinofile, nascondeva 10 stecche di hashish negli slip. Nell’ambito dello stesso servizio altre due persone sono state segnalate come assuntori di stupefacenti, mentre, nascoste negli anfratti di Monte Oppio, sono state rinvenute e sequestrate svariate dosi di hashish, marijuana ed eroina.

Si faceva chiamare Alex lo spacciatore caduto nella rete del commissariato San Paolo. L’egiziano, temendo l’azione degli uomini del dottor Carlo Musti, aveva cambiato zona; precauzione risultata vana, gli agenti lo hanno arrestato nel suo nuovo appartamento. Dovrà scontare una pena di  2 anni  e mezzo  per svariate condanne legate allo spaccio di stupefacenti.

Erano le nove di mattina quando gli agenti del commissariato Porta Pia, dopo una serie di indagini, hanno fermato un ragazzo del Gambia. L’africano, nelle mutande, trasportava 19 dosi di eroina.

Aveva ricevuto l’ordine, tramite un’ applicazione di messaggi, il giovane pusher arrestato dagli investigatori del commissariato Primavalle. Lo scambio droga/soldi è avvenuto sotto lo sguardo degli  agenti i quali hanno fermato venditore ed acquirente.

Gli agenti del commissariato Tor Carbone, con l’ausilio di “Jamil” e “Condor” della Squadra cinofili, all’interno del cortile di un istituto scolastico, hanno rinvenuto e sequestrato alcuni grammi di cocaina ed “erba”.

È di circa 800 grammi il peso della marijuana trovata nell’abitazione di un 25enne romano arrestato dagli investigatori del commissariato Romanina. Insieme alla droga sono stati sequestrati più di 2mila euro ed alcune bilance elettroniche.

Quando una 24enne romana è stata sorpresa a rubare in un negozio, anziché chiedere scusa,  ha aggredito la commessa minacciandola pesantemente.  Immediato l’intervento della Polizia di Stato del commissariato Villa Glori. La ragazza aveva rubato 3 confezioni di profumi pregiati; accompagnata presso gli uffici del commissariato Ponte Milvio, è stata dichiarata in arresto per il reato di rapina impropria.

Stesso reato che è stato contestato a due romeni di 40 e 27 anni che, dopo aver rubato in un grande negozio della via Prenestina,  avevano colpito due commessi che li avevano “scoperti”. Provvidenziale l’intervento degli agenti del Reparto Volanti che hanno evitato il protrarsi delle violenze.

Nelle stesse ore un altro equipaggio delle Volanti interveniva in un centro commerciale nella zona di Tor Pignattara. Un 36enne romeno aveva rubato una bottiglia di whisky e l’aveva nascosta in una pancera di quelle solitamente usate dalle donne in gravidanza.

Aveva ottenuto il “beneficio” di attendere il processo ai domiciliari il 24enne romano arrestato nel fine settimana dagli agenti del commissariato San Basilio e del Reparto Volanti. Il ragazzo, al culmine dell’ennesima lite con i familiari, è fuggito. Quando ha deciso di tornare, ad attenderlo c’erano gli uomini della Polizia di Stato che lo hanno condotto in carcere.

Un 35enne bosniaco , che gli agenti del commissariato Spinaceto stavano accompagnando presso l’Ufficio Immigrazione per verificare la posizione dello stesso sul territorio nazionale, ha tentato di fuggire colpendo uno dei poliziotti e danneggiando l’autovettura di servizio. L’uomo è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché danneggiamento ai beni dello stato.

L’ultimo arrestato del week end è un 28enne originario della Guinea. Quando gli agenti del commissariato Torpignattara lo hanno sottoposto ad un normale controllo di polizia ha tentato di fuggire colpendo entrambi i poliziotti  ed infrangendo la vetrata di un bar. Raggiunto dopo pochi metri il centro-africano è stato arresto e posto a disposizione della magistratura.

Informazioni su Samantha Lombardi 4674 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it