8 dicembre 2016

Ladispoli – Il comune difende la campagna di sensibilizzazione su Torre Flavia

 

Nella stagione estiva 2015 l’Amministrazione comunale, nell’ambito di un progetto di valorizzazione del patrimonio artistico della città, ha iniziato una campagna di comunicazione su Torre Flavia con l’obiettivo di sensibilizzare e stimolare l’opinione pubblica sulla necessità di consolidare e recuperare questo storico monumento cittadino.

La campagna di comunicazione ha ottenuto un notevole successo in termini di sensibilizzazione suscitando interesse e pareri positivi tra i cittadini che hanno preso parte attivamente alle iniziative realizzate.

L’iniziativa del resto ha come suo obiettivo principale quello di “sensibilizzare” l’opinione pubblica, creando la giusta consapevolezza rispetto al tema, risultando non certo misurabile in termini puramente economici.

Dato fondamentale è che ogni attività svolta a supporto della campagna è stata ideata e realizzata interamente a costo zero senza alcuno spreco di denaro pubblico, utilizzando, a dire il vero, anche risorse personali e riuscendo, in poco tempo, a svolgere un grande lavoro che se fosse stato richiesto a imprese o professionisti esterni, sarebbe stato impossibile realizzare data la mancanza di fondi a disposizione; si parla di un risparmio che si può stimare in alcune migliaia di euro considerando le attività realizzate, tra cui: un piano delle attività e uno studio della fattibilità, uno spot video istituzionale, uno spot video con un testimonial noto, la creazione di due logotipi, uno per il monumento e uno dedicato alla campagna accompagnato da uno slogan originale, l’organizzazione di eventi, tra cui una serata danzante sull’arenile di Torre Flavia, la realizzazione di grafiche promozionali per le locandine, nonché un sito internet istituzionale del monumento che si è ispirato agli altri siti web comunali.

Le risorse umane utilizzate sono state attentamente selezionate, nonché impiegate conformemente a quanto prescritto dalle leggi vigenti in materia, sulla base delle disponibilità di spesa previste per il personale. Attualmente, l’amministrazione sta ancora utilizzando le competenze di queste risorse per far fronte ad esigenze di comunicazione interna ed esterna di alcuni uffici, sempre in un ottica di efficienza ed efficacia dei processi e di spending review, ossia di riduzione della spesa e mantenimento della qualità delle attività in essere.

Nel mese di novembre 2015, per far fronte ad altre priorità istituzionali, alcune attività in programma sono state sospese; la campagna si concluderà definitivamente alla fine del mese di marzo 2016, seppur la ricerca di finanziamenti a supporto del progetto di messa in sicurezza e recupero di Torre Flavia, da parte degli uffici competenti, continua attraverso la ricerca costante e la partecipazione a bandi regionali ed europei. L’amministrazione è al momento in attesa di riscontro da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per il coordinamento amministrativo – Ufficio per la concentrazione amministrativa e il monitoraggio – in riferimento all’istanza di concessione di un contributo di € 550.000,00 inviata lo scorso settembre 2015, da destinare alla prima fase degli interventi di recupero previsti nel progetto valorizzazione dell’antica Torre e suddivisi in tre fasi distinte.

La prima fase di intervento prevederà un lavoro di messa in sicurezza del Monumento attraverso la costruzione di un sistema di puntellamento per sorreggere le parti di muratura esistenti e l’ampliamento delle barriere frangiflutti per potenziare il sistema di protezione dall’erosione marina.

La seconda fase d’intervento, invece, si incentrerà sul restauro conservativo della Torre, attraverso il riposizionamento in asse dei tronconi, il recupero delle parti lesionate, il consolidamento e la ricostruzione delle parti mancanti. Un intervento che prevede opere di consolidamento della fondazione, il ripristino della continuità muraria attraverso l’ausilio di materiale analogo all’esistente e una fase di pulizia della Torre con rimozione dei depositi superficiali.

La terza e ultima fase prevede un progetto di recupero e riutilizzo della Torre con il fine ultimo di riqualificare e valorizzare tutta l’area archeologica e naturalistica che la affianca individuando, inoltre, un itinerario naturalistico-archeologico ricco di interessanti percorsi turistici, didattici e ricreativi. Un’operazione quella su Torre Flavia che richiede l’intervento dello Stato e finanziamenti consistenti che non possono certo essere frutto solo di una campagna di sensibilizzazione o di donazioni da parte di privati. L’amministrazione ritiene di aver raggiunto un considerevole successo con l’edizione 2015 della campagna sia in termini di lavoro svolto, nonché di apprezzamento da parte di cittadini e turisti.

About Ruggero Terlizzi 2879 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it