6 dicembre 2016

Ilaria Cucchi: “Stefano non era un eroe ma merita giustizia”

Ilaria Cucchi è intervenuta ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Riguardo l’intercettazione tra il maresciallo Roberto Mandolini e un consulente legale del Sap a Vibo Valentia. “E’ una cosa che mi aspettavo –ha affermato Ilaria Cucchi-. Questo è solo il primo di tanti attacchi che arriveranno. Il grande lavoro fatto dalla Squadra Mobile e della Procura di Roma ha portato delle prove talmente schiaccianti, che gli imputati non avranno altri strumenti per difendersi se non quello di infangare Stefano e la nostra famiglia, di fare un altro processo a lui. Abbiamo la forza della Procura che combatte al nostro fianco, quindi non saranno certo queste cose a fermarmi. Quelle intercettazioni sono state fatte da un indagato che sapeva di essere intercettato. Un indagato che per 6 anni ha taciuto, quindi non so che importanza possano avere. Stefano era uno splendido ragazzo, che aveva fatto sbagli che noi non abbiamo mai nascosto. Non era perfetto, non voglio fare di lui un eroe, però non doveva morire in quella maniera. Adesso inizierà un nuovo processo, abbiamo avuto la settimana scorsa l’incidente probatorio, durante il quale sono stati nominati i nuovi periti. Ho grande fiducia nella Giustizia, nella Magistratura, ma dall’altro lato sono preoccupata perché perizie e consulenze condizionano in maniera rilevante i nostri processi. Nel precedente processo ci sono state tante consulenze e perizie che non sono state in grado di stabilire neanche la causa di morte. Stavolta speriamo che ci sia onestà nel fare le perizie”.

Fonte: Radio Cusano Campus