10 dicembre 2016

Frosinone – Contenzioso tra l’ex Comandante Mancini ed il Comune le precisazioni del dott. Giannotti

In merito al contenzioso penale e civile tra l’ex comandante della Polizia Municipale Massimiliano Mancini ed il Comune di Frosinone, il dirigente del settore Personale e Risorse, dott. Vincenzo Giannotti, rispetto a quanto pubblicato dalla stampa locale, intende precisare quanto segue:

“Con dispositivo del 29 gennaio 215 la Corte di appello di Roma, sezione lavoro, senza entrare nel merito, si è limitata a rimettere la causa al Tribunale di Frosinone, così superando i dubbi del primo giudice in ordine alla giurisdizione. Nessun riconoscimento di diritti o accoglimento di domande deriva dalla sentenza del giudice di appello.

In vista dell’eventuale prosecuzione del giudizio dinanzi al Tribunale di Frosinone, l’Amministrazione  insisterà nel rigetto delle domande proposte e nella conferma di quanto già affermato dal medesimo Tribunale con le ordinanze 7 maggio 2010 (ricorso ex art. 669-duedecies cpc n. 1015/10), 29 luglio 2011 (ricorso ex art. 700 clc n. 4005/10) e 31 luglio 2012 (ordinanza collegiale in sede di reclamo), nonché a conferma degli accertamenti di responsabilità penale contenuti nella sentenza del Tribunale penale di Frosinone del 13 dicembre 2014, n. 1312 la quale nelle motivazioni evidenzia quanto segue:

L’istruttoria svolta, dunque ha fornito riscontri alla tesi accusatoria, ha fatto emergere con certezza una parziale falsità dei documenti prodotti ed impone, pertanto, di non poter considerare evidente l’innocenza dell’imputato. Sicuramente l’istruttoria dibattimentale consente, inoltre, di nutrire ampi dubbi sul fatto che il rapporto di lavoro del Mancini con la Fashion Italian Style, se esistente, possa rientrare nei parametri del bando amministrativo con una sostanziale equiparazione, ad esempio, al lavoro svolto in cinque anni di servizio da dipendente delle pubbliche amministrazioni, munito di laurea”.

In merito  all’asserita assoluzione piena, il giudice penale precisa quanto segue:

L’esito dell’istruttoria, come anticipato, esclude di ritenere applicabile l’art.129 comma 2 c.p.p. con conseguente assoluzione nel merito dell’imputato, a carico del quale permangono gravi indizi di responsabilità e del quale non può dirsi evidente l’innocenza, per cui s’impone, avuto riguardo al combinato disposto dell’art. 531 c.p.p., 157 e 161 c.p., declaratoria di estinzione dei reati per maturata prescrizione”.

About Samantha Lombardi 4035 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it