3 dicembre 2016

Civitavecchia – ASL RM 4, una diabetologia tutta nuova al ‘San Paolo’ di Civitavecchia

Confermando il forte impegno da anni profuso per la prevenzione e la cura del diabete, la Direzione Aziendale presenterà ufficialmente alla popolazione la nuova Unità Operativa Dipartimentale di Diabetologia, coordinata dal dott. Graziano Santantonio, specialista diabetologo, in alcuni nuovissimi locali ricavati nell’ex reparto di ortopedia, più ampi ed adeguati, che consentono di svolgere al meglio l’attività dell’intero staff.

La nuova collocazione, con tre stanze visita e un’ampia sala d’aspetto, è stata voluta dalla Direzione Aziendale al quarto piano dell’Ospedale ‘San Paolo’ di Civitavecchia , cioè in una posizione più tranquilla che consente all’utenza un maggiore comfort e la necessaria privacy.

La cerimonia di inaugurazione è fissata per giovedì 28 Gennaio alle ore 12,00, presso il 4° Piano dell’Ospedale San Paolo di Civitavecchia, in Largo Donatori del Sangue, con la partecipazione di autorità civili, religiose e militari.

Confermata la presenza dell’A.DI.CIV, l’associazione cittadina che, al fianco della ASL RM 4, si occupa da anni della patologia diabetica, creando una forte sinergia con l’Azienda Sanitaria sul territorio.

Una sinergia sentita e concreta che negli anni ha prodotto risultati consistenti per le persone affette da diabete sia nel campo dell’informazione che della prevenzione delle possibili patologie conseguenti .
Il Diabete : quando e come è possibile prevenirlo

Prevenire il diabete di tipo 2 è possibile. E puntando a questo obiettivo si riduce drasticamente anche il rischio di sviluppare ipertensione, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia e altri fattori di rischio. Come si fa? Agendo sulle proprie abitudini.
Cosa significa in concreto ‘prevenire il diabete’? Non si tratta di cambiar vita da un giorno all’altro ma di riscoprire certi piaceri e perseguirne con meno assiduità altri. Uno dei piaceri da riscoprire è certamente quello della vita all’aria aperta e del movimento fisico. Il nostro organismo è fatto per essere usato.

Piscina, palestra, campi da gioco sono sicuramente l’ideale, ma c’è uno ‘sport’ che è alla portata fisica, logistica ed economica di tutti: camminare o andare in bicicletta.

Mezz’ora di camminata a passo svelto o di bicicletta al giorno fanno letteralmente miracoli.

La pressione migliora quasi istantaneamente, la glicemia scende verso livelli normali, si inizia a respirare a pieni polmoni e si riduce il girovita. Il metro da sarta intorno alla vita è l’indicatore migliore per chi vuole prevenire il diabete.

La bilancia è traditrice perché uno degli effetti dell’esercizio fisico è quello di aumentare la massa muscolare e diminuire il grasso. L’organismo è molto più sano ma il peso scende di poco.
La vita all’aria aperta e il movimento fisico sono una fonte di gioia. Lo diciamo in senso letterale. Il movimento aumenta le endorfine, le sostanze che il nostro cervello interpreta appunto come piacere. Certo è necessario trovare il giusto equilibrio. Fare troppo significa affaticarsi e deprimersi.

Fare poco non è sufficiente. I piccoli progressi quotidiani alimentano crescenti gratificazioni, come ad esempio scoprire che la distanza o la velocità che fino a un mese prima risultava proibitiva, oggi è perfettamente normale.

E questo vale a tutte le età.

Nonostante questo è possibile che col tempo la motivazione venga meno. Un inverno un poco più lungo del previsto. Una malattia intercorrente o un periodo fitto di impegni… Quando si interrompe il ritmo riprendere diventa difficile.

Per questo è importante inserire l’esercizio fisico dentro le proprie abitudini giornaliere. Camminare o prendere la bici per andare al lavoro ad esempio. Meglio ancora è fare queste cose insieme a qualcun altro.
L’altro pilastro nella prevenzione del diabete è la corretta alimentazione. Anche qui la strada maestra non consiste nel fare rinunce o sacrifici particolari. Occorre gradatamente riscoprire piaceri dimenticati: il ritorno ai cibi genuini, ai prodotti nostrani, senza ricorrere a cibi preconfezionati o di origine non nota; consumare nelle giuste proporzioni tutti gli alimenti: carne, pesce, formaggi, pasta, pane, verdure, ortaggi, frutta.
E gli zuccheri? Il diabete di tipo 2 non ‘viene per colpa degli zuccheri’. Casomai deriva dal sovrappeso o dalla obesità. È vero che la persona con diabete deve ridurre di molto i cibi ‘dolci’, ma per prevenirlo è più importante ridurre l’intero carico di calorie. In ogni pasto ci deve essere una porzione di carboidrati (pasta o riso, pane, patate) ma solo una. Le porzioni poi andrebbero gradatamente ridotte.

L’unico ‘no’ assoluto riguarda i fuoripasto, le merendine e le bibite dolci. Queste andrebbero davvero dimenticate. Se si ha fame fra un pasto e l’altro significa che non si è mangiato abbastanza nel pasto precedente. Se questa alimentazione, sana variata e moderata diventa la norma si può ridurre il sovrappeso e prevenire diabete e ipertensione anche concedendosi di tanto in tanto qualche sfizio.

Il diabete di tipo 1 invece al momento non si può prevenire. Prima di tutto perché le persone ‘a rischio’ di svilupparlo (figli e soprattutto fratelli di persone con diabete di tipo 1) rappresentano solo una minoranza dei casi. Nel 95% dei casi il diabete di tipo 1 appare in famiglie dove non ci sono stati casi simili. In secondo luogo anche tra le persone a rischio finora nessuna strategia preventiva si è dimostrata abbastanza efficace.

(www.diabeteitalia.it)

About Ruggero Terlizzi 2863 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it