11 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni dei protagonisti rossoneri nel post partita di Milan-Inter

ADRIANO GALLIANI
“Devo ancora riprendermi. Quando abbiamo vinto lo scudetto nel 2011 avevamo fatto 3 a 0. Ricordo il rosso di Cassano, ma anche i gol di Pato e Cassano. Quest’anno alterniamo partite meravigliose, ad altre dove lasciamo punti così. Adesso abbiamo sfatato che non andiamo bene con le grandi. Con due abbiamo vinto, con due perso e una pareggiata. Ora dobbiamo scalare la classifica. Non dico oltre. Abbiamo ancora up & down. Tra questo Milan e quello di Empoli, non si spiega questa differenza. Una vittoria 3 a 0 resta per tutta la stagione e resta comunque nella memoria e nella storia. Andiamo avanti, cerchiamo di fare punti e scaliamo la classifica.
Honda lavora, si sacrifica. Chi allena, le vede queste cose. E’ il suo ruolo e sta facendo bene. Si sacrifica e poi ha un piedino niente male nei cross. Questa sera mi è molto, molto, molto, molto piaciuto Kucka. Superlativo Alex. Il suo problema sono stati gli infortuni. E’ un giocatore importante, la sua storia parla per se. Non montiamoci la testa, sempre sesti siamo. A sei punti dal terzo posto. Vediamo mercoledì contro il Palermo, stasera godiamocela. Bacca è strepitoso, fa un occasione e segna un gol. Lui mi ricorda un po’ Inzaghi. Sottoporta è cattivissimo. Si è inserito con una capacità e con una maestria incredibile. Se ci sono le disponibilità economiche, guardo il Panini internazionale e vedo che ha segnato 48 gol in due anni in Spagna. Ha fatto 13 gol, se ha un’occasione segna. In questo senso assomiglia ad Inzaghi.
Il Presidente stasera se l’è goduta, anche se lui in primis è milanese e non ha mai tifato contro l’Inter. Siamo in dovere di donargli qualche gioia. Gli abbiamo fatto un regalo di compleanno del Milan, non indifferente.
Tutta la squadra è con l’allenatore, in qualsiasi situazione. Nessuno rema contro, anche nei momenti più bui. Glielo dissi anche il Presidente. Si cambiano gli allenatori che non hanno in pugno la situazione. E la squadra è sempre stata schierata con l’allenatore, anche quando si perdeva. In qualsiasi momento, stava con il mister. Il gol di Alex è stato il più emozionante, ed anche il secondo. Al terzo ero già negli spogliatoi”

MISTER SINISA MIHAJLOVIC
“Si meritano tutti questa serata, il Presidente, la società, i ragazzi e i tifosi. Quando vinci così nettamente, tutti hanno fatto bene, in tutti i reparti. Alex bisogna solo gestirlo nella maniera giusta con gli allenamenti e i riposi. E’ sempre stato un bravo giocatore e sicuramente è un giocatore di esperienza e qualità. Honda piace agli allenatori perché è un giocatore affidabile, per i compagni e allenatori è importante perché si possono fidare di lui. Abate ha carattere e sprona la squadra, Montolivo ha qualità ed è migliorato tantissimo, ci da equilibrio nel gioco. Siamo sulla strada giusta, il campionato è lungo. Stasera è stata la gioia più bella da quando alleno ma da domani la testa è al Palermo. Abbiamo sempre avuto fiducia nel nostro gruppo e adesso piano piano ne stiamo uscendo fuori”.

RICCARDO MONTOLIVO
“Abbiamo lavorato per la vittoria, credo che la vittoria sia meritata, sono anche contento per il risultato tondo. Ci sono tanti margini di miglioramento, ci mettiamo sempre il cuore. Quando ci sono queste serate San Siro è lo stadio più bello del mondo. La vicinanza del Presidente Berlusconi è fondamentale, ci ha fatto i complimenti ed è sempre un piacere vederlo allo stadio. Da domani mattina penseremo alla Sicilia più che all’Europa”.

CARLOS BACCA
“Ho sognato di fare il meglio di me stesso. Queste gare sono importanti per l’ambiente. Questo gol significa tanto per me. Per la squadra, per i tifosi e per mia figlia. Lo dedico a Lei. Cerco sempre di fare del mio meglio e ripeto questa rete è per il compleanno di mia figlia. Eravamo nuovi all’inizio e non eravamo squadra, ma ora lo siamo e siamo compatti. Giochiamo per divertirci e anche al di fuori si respira una grande atmosfera. Il Presidente è importantissimo per tutto. E’ una vittoria per tutti questa. Grazie a Dio abbiamo conquistato i tre punti e adesso dobbiamo continuare a lavorare. Piedi per terra. Il derby ci piò dare un impulso importante, ma dobbiamo giocare al meglio anche mercoledì contro il Palermo. Galliani me l’ha detto che ho qualcosa di Inzaghi e di Shevchenko. Sono felice perchè ti paragonano a campioni. Io voglio lasciare la mia impronta nel Milan, voglio continuare a lavorare. Riuscire a stare all’altezza di Asprilla e di altri grandi colombiani, mi fa piacere”

ALEX
“La squadra c’è, noi lavoriamo bene quotidianamente e in questa partita abbiamo fatto molto bene. Dobbiamo giocare così sempre, non solo il derby, per risalire in classifica. E’ stata bellissima la coreografia e anche l’atmosfera, è stato emozionante, i tifosi ci aiutano tanto. Ci sono pochi giorni prima della trasferta di Palermo ma siamo un gruppo fortissimo, il mister deciderà chi schierare con l’obiettivo di vincere”.

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Abbiamo perso un po’ di terreno ad inizio anno, ma adesso stiamo recuperando. Pensiamo match dopo match. A parte i primi 15-20 minuti, dove abbiamo rischiato qualcosa perchè non accorciavamo, poi abbiamo preso le misure e siamo stati bravi. Potevamo sfruttare qualche ripartenza, ma siamo stati bravi e credo che la vittoria sia meritata. Conosco i miei e penso che in questi 6 mesi di aver trascinato qualche cosa. Tutti erano consapevoli dell’importanza della gara. Se non erano consapevoli, devono darsi al giardinaggio. Adesso nelle prossime gare sarà importante motivare il gruppo. Nel derby, le motivazioni vengono da se. Nessuna rivicita. Ho sempre avuto fiducia in me stesso e nella squadra. Quando mancano i risultati, è normale essere messi in discussione. A me la pressione piace. Così è bello e divertente. Io sono sempre sereno. Non ho dato nessuna lezione a Mancini. Lui è comunque un grande allenatore. Siamo uno pari nei derby vinti quest’anno. Io faccio il mio lavoro e guardo me stesso. Il Presidente Berlusconi era felice. Il Milan sta ancora sotto all’Inter. Sicuramente vincendo siamo andati a 2 punti dalla Roma e a 5 dall’Inter. Campionato è ancora lungo. Abbiamo perso terreno per strada, ma se andiamo avanti così, possiamo lavarci soddisfazioni. Il vero Milan deve ancora venire”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.