3 dicembre 2016

Al Nostos Teatro di Aversa, OUT della compagnia UNTERWASSER

In scena sabato 6 e domenica 7 febbraio 2016, “OUT”, della compagnia UnterWasser, è il quarto appuntamento della rassegna “Approdi” 2015/2016 del Nostos Teatro di Aversa, diretto da Giovanni Granatina, Gina Oliva e Dimitri Tetta.

Definito “uno spettacolo bello e poetico, dove l’arte del teatro di figura può agevolmente uscire dalla tradizione per incamminarsi, come il bimbo protagonista della storia, verso nuovi orizzonti” -M.Bianchi, EOLO -, OUT è il viaggio di iniziazione e formazione di un bambino che viene e-ducato (dal latino educere) cioè condotto fuori dalla sua casa, metafora delle sue certezze, e messo in relazione col mondo e con i suoi inevitabili contrasti. Il protagonista vive in un universo rassicurante, fatto di bianchi e di grigi, ha un petto-gabbia, dove tiene rinchiuso il suo cuore-uccellino, per paura che possa ferirsi o smarrirsi. Un giorno, però, il suo cuore decide di fuggire, costringendo il bambino ad uscire di casa per cercarlo.

OUT parla del passaggio dalla chiusura emotiva all’abbattimento delle barriere create da noi stessi per sentirci “al sicuro”. Questo tema è legato soprattutto al percorso di definizione della personalità che caratterizza il periodo di passaggio dall’infanzia all’adolescenza e ritorna continuamente, a diversi livelli e con diverse intensità, nel corso della vita di ognuno di noi.

OUT è uno spettacolo muto e visuale la cui estetica trae ispirazione da artisti come Mondrian, Calder, Rotkho, Folon, Steinberg, Escher. Utilizza la musica, i suoni e le onomatopee come amplificatori del sentimento e del significato. Il linguaggio poetico delle diverse tecniche utilizzate trasporta il pubblico in una dimensione onirica, trasmettendo il suo messaggio universale attraverso l’uso di archetipi.

La compagnia UnterWasser (“sott’acqua”) è un bacino di ricerca teatrale dove si indagano le potenzialità poetiche, evocative e comunicative del teatro di figura.

Sott’ acqua è il fondale, con le sue meraviglie nascoste che creano stupore.

Lavoriamo per condividere l’esperienza dell’incantamento, per noi irrinunciabile, attraverso la ricerca di un’estetica raffinata, frutto di un accurato studio sui materiali e sulle tecniche.

Sott’ acqua è anche oscuro, profondo, denso.

Profondi sono i temi che ci domandano di essere scandagliati e portati alla luce.

Sott’ acqua la voce non ha lingua, le parole diventano suono e i significati si colgono con gli occhi.

Ricerchiamo un teatro visuale, universale, silente.

Sotto l’acqua è l’onirico, il mondo del simbolo, il mito, l’utopia.

Per attingervi occorre infrangere lo specchio della superficie e immergersi.

UnterWasser è un gruppo fondato nel 2014 da Valeria Bianchi, Aurora Buzzetti e Giulia De Canio.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.