6 dicembre 2016

Triolo, Azione Nazionale: “Il deferimento? Evidentemente La Russa e Meloni si sono accorti di noi dopo 3 mesi che esistevamo”

Antonio Triolo del direttivo di Azione Nazionale, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sono stati deferiti alla commissione disciplina di Fratelli d’Italia i ventuno componenti della Direzione e dell’Assemblea Nazionale, che avevano chiesto a Giorgia Meloni di farsi promotrice delle primarie per scegliere il candidato sindaco a Roma e nelle altre città. La lettera del deferimento, firmata da Ignazio La Russa in qualità di presidente dell’Assemblea Nazionale, non fa però riferimento a quella richiesta, ma gli contesta la contemporanea iscrizione anche all’associazione Azione Nazionale, di cui fa parte anche Gianni Alemanno.Questo deferimento –ha affermato Triolo- arriva tre mesi dopo la nascita di Azione Nazionale. La Russa e Meloni sapevano benissimo che esistevamo e cosa facevamo. Noi stiamo tentando di lavorare per  riunire la destra dispersa. Riteniamo che la destra abbia necessità di allargarsi, di ritrovare il suo contatto con il popolo e di trovare una serie di personalità che non hanno aderito a FDI ma che hanno una storia comune alla nostra. Abbiamo fondato il movimento Azione Nazionale che prevede la doppia tessera. Ci sono iscritti di FI, di Ncd e anche di altri partiti. Siamo un’associazione che tenta di lavorare per una destra unita. Siamo comunque iscritti ai rispettivi partiti di appartenenza, io sono iscritto a Fratelli D’Italia. Oggi sembriamo sul punto di ottenere le primarie in una città come Roma, che diventerebbero un laboratorio politico per il centrodestra per smontare i tavolini che decidono all’interno delle segreterie di partito. Ci siamo sorpresi che Fdi abbia cominciato a balbettare sul tema primarie. Noi stiamo tentando di lavorare a riunire la destra dispersa, una parte non ha ritenuto FDI il contenitore principe per riunirsi. La destra ha vissuto una stagione lacerante negli ultimi anni, dividendosi in mille rivoli. E ciascuno non ritiene di doversi accomodare in casa d’altri. Per questo nasceva il tentativo di sederci tutti intorno ad un tavolo, con pari dignità. Noi abbiamo chiesto alla Meloni di guidarlo questo processo, non di subirlo. Non disconosciamo la leadership della Meloni. Il tema è che a FDI manca un momento di apertura all’esterno e di allargamento del partito. Il partito rischia di essere chiuso su se stesso. C’è una leader molto forte, ma il resto non si vede. In alcune prove delle urne non abbiamo superato lo sbarramento, come ad esempio alle europee. Si fatica anche sul territorio. Noi accettiamo la storia di tutti, senza anatemi e senza pensare di essere depositari della verità. Io ho 40 anni, vorrei andare oltre le fratture del Pdl. Fini? La ricerca del mostro è un procedimento molto auto assolutorio e pericoloso. Nessuno dovrebbe avere stigma, tranne per problemi con la giustizia. I numeri non danno più la possibilità a Berlusconi di scegliere i candidati da solo. Se si va in piazza i sondaggi dicono che a Roma c’è voglia di destra. Storace e Meloni nei sondaggi hanno riscosso lo stesso consenso. Dal 92 ci portiamo dietro un’infezione terribile, quella del leaderismo che ha distrutto la partecipazione del territorio. Oggi non c’è uno spazio in cui un leader nuovo si possa affermare”.

Fonte: Radio Cusano Campus