11 dicembre 2016

Scopelliti, Ap: “Vi spiego la mia legge per sottrarre ai mafiosi i propri figli”

Rosanna Scopelliti (Ap) è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Durante l’evento “Mio padre non è un eroe” Scopelliti ha presentato la sua proposta di legge “Modifiche al codice civile e al codice di procedura penale, concernenti la sospensione e la decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale nei riguardi di soggetti appartenenti ad associazioni per delinquere”. L’obiettivo della legge è quello di sottrarre alle famiglie malavitose i loro eredi. La mia proposta di legge è molto importante per incidere in maniera concreta nella lotta alle mafie –ha spiegato Scopelliti-. Lo abbiamo visto anche con gli ultimi casi di cronaca che una famiglia di ‘ndrangheta funziona come una vera e propria fabbrica di mafiosi e i minori vengono formati a partecipare alle organizzazioni criminali, non hanno degli esempi positivi e crescono unicamente all’interno di un habitat mafioso. Non avendo alternative, loro pensano che sia loro dovere aderire alla logica mafiosa. Gli viene nascosto che ci sono delle alternative al sistema mafioso. Tramite questa legge, lo Stato deve dare la possibilità ai ragazzi di riscattarsi, spezzando quella continuità generazionale che è ciò che afferma maggiormente il potere mafioso sul territorio. La presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi e molti altri colleghi mi hanno dato grande supporto. Ritorsioni nei miei confronti? Forse sarò incosciente, ma questo problema non me lo sono posto. Penso che sia io che la mia famiglia abbiamo già pagato un prezzo altissimo, con l’omicidio di mio padre”. 

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=695&dl=6517

Fonte: Radio Cusano Campus