21 gennaio 2017

Roma – Faida familiare rischia di finire in tragedia, due arresti e sette denunce tra cui due minorenni

Una faida familiare tra due famiglie dell’est Europa è stata interrotta dalla Polizia di Stato che ha arrestato due persone e denunciate altre 7, tra cui due minorenni, che dovranno rispondere di rissa, lesioni aggravate e violenza privata.

La spirale di violenza ha avuto inizio una settimana fa quando quattro uomini, a bordo di un’autovettura, ha affiancato una coppia di connazionali malmenandoli con dei bastoni.

Uno dei due aggrediti, ferito in modo grave, ha perso immediatamente i sensi a causa dei colpi ricevuti, riportando un serio trauma cranico e ferite lacero contuse alla testa.

Un passante è riuscito a prendere il numero di targa degli aggressori e così, grazie alle indagini subito esperite dagli agenti del Commissariato Spinaceto, diretto dal dott. Moreno Fernandez, i due sono stati tratti in arresto.

Identificati per O.E., di 26 anni e H.F., una donna di 49 anni, entrambi con precedenti di Polizia, i due sono stati in seguito scarcerati   e sottoposti all’obbligo della presentazione alla Polizia Giudiziaria in attesa del processo. Identificati anche gli altri due aggressori, resisi irreperibili e denunciati all’autorità giudiziaria per rispondere degli stessi reati.

Gli animi dei due gruppi in lite, però, anziché placarsi, si sono ancor più accesi, e sono così iniziati gli attacchi al gruppo degli iniziali aggressori.

Dopo un primo assalto non andato a buon fine, i due già tratti in arresto sono stati assaliti e la donna, a seguito di un tentativo di investimento, è caduta in terra procurandosi la frattura scomposta dell’orbita e la frattura di alcune costole, con conseguente ricovero ed intervento chirurgico.

Un successivo assalto nella notte, l’ennesimo tentativo di regolare i conti, non ha avuto esito solo per la provvidenziale fuga degli aggrediti.

Le indagini effettuate dagli investigatori del Commissariato Spinaceto hanno permesso di interrompere la serie di violenze, con l’identificazione di tutte le persone coinvolte nella faida.

E’ emerso inoltre che a generare la spirale di violenze tra le due famiglie sarebbe stata una donna contesa, che avrebbe lasciato il proprio consorte per iniziare una relazione con un appartenente all’altra famiglia nonché motivi economici.

About Samantha Lombardi 4185 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it