5 dicembre 2016

Cerveteri – Cupinoro, interviene il Sindaco Pascucci: “Non ci interessano i soldi, ma la salute del territorio”

La pubblicazione dei bandi da parte della Bracciano Ambiente per la realizzazione di un impianto di trattamento meccanico-biologico (TMB) con produzione di CDR e FOS, e di un impianto a biogas presso Cupinoro rappresenta un atto che, come Amministrazione comunale di Cerveteri, consideriamo gravissimo. Ancora oggi, nonostante sia ampiamente accertata la nocività dell’incenerimento, si investono ingenti somme per costruire impianti che producono combustibile per inceneritori. Impianti che, lo ricordiamo, saranno messi al bando dalla comunità europea a partire dal 2020. E anche sugli impianti a biogas abbiamo già avuto modo di esprimere in modo chiaro le nostre perplessità.
Tutto questo ciò accade mentre sull’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), l’atto che autorizza la costruzione dell’impianto di TMB, pendono ben tre ricorsi innanzi il TAR: due presentati da cittadini e frontisti, ed uno proprio dall’Amministrazione comunale di Cerveteri. A breve, inoltre, depositeremo il ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza che ha visto il Comune di Cerveteri soccombere per una questione che riteniamo assolutamente ingiusta: secondo il Tribunale, infatti, il nostro Comune non aveva interesse a ricorrere poiché l’area di Cupinoro si trova amministrativamente nel territorio di Bracciano. Evidentemente si dimentica che le case più vicine al sito sono proprio le case dei cittadini di Cerveteri. Non escludiamo, quindi, che avvieremo azioni di contrasto ai bandi della Bracciano Ambiente in tutte le sedi opportune.
È poi indispensabile fare chiarezza su alcuni titoli che la Stampa locale ha riportato in questi giorni. Abbiamo infatti letto su alcune testate, sia cartacee che on-line, che il Comune di Cerveteri sarebbe rimasto “a bocca asciutta”, alludendo al fatto che nessuna nuova entrata proverrà dai ricavi della gestione degli impianti di Cupinoro. Ebbene, deve essere chiaro che le ragioni economiche non ci interessano. Ci interessa invece la salute dei cittadini e del nostro ambiente, che nel caso della realizzazione di questi impianti tornerebbero nuovamente ad essere minacciate. Confermiamo l’impegno della nostra Amministrazione nel contrastare in ogni sede la realizzazione di un impianto industriale dei rifiuti a Cupinoro, e che continueremo a stare al fianco dei cittadini per combattere l’ennesima aggressione al nostro territorio.
Ci chiediamo invece che fine abbiano fatto le attività di capping e di messa in sicurezza della discarica. Sono mesi che continuiamo a richiedere ufficialmente che siano svolte analisi serie su tutte le matrici ambientali da parte degli organi preposti. Ed è una richiesta che ribadiamo ancora una volta alla luce dei recenti rilievi che hanno evidenziato concentrazioni di gas metano superiori agli standard.
Sulla gestione dei rifiuti la nostra Amministrazione ha sempre avuto le idee molto chiare. Abbiamo lavorato duramente per rendere più efficienti i servizi di igiene urbana e per combattere le discariche abusive. Vogliamo estendere la raccolta differenziata porta a porta a tutto il territorio comunale ed introdurre un sistema di tariffazione dei rifiuti che premi chi differenzia di più. È evidente che, coerentemente con il nostro lavoro, riteniamo che il ruolo delle discariche debba vieppiù ridursi, e non certo accrescere. Per questo riteniamo assurdo investire in questo senso sul sito di Cupinoro. È per questo che è ancora più amaro constatare che la Bracciano Ambiente (società dai destini precari), il Comune di Bracciano (sotto commissariamento) e la Regione Lazio sembrino andare con questi atti in direzione opposta alla nostra.

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it