9 dicembre 2016

Caso Rai, Ruocco, M5S: “Rai fascista, strumento pubblicitario del governo”

Carla Ruocco, deputata del Movimento Cinque Stelle, è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del programma ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Commentando quanto sta accadendo in Rai, Carla Ruocco non ha usato mezzi termini: “L’evidenza dei fatti mostra un governo debole e privo di consensi che sfrutta la televisione pubblica per mistificare la realtà e farsi pubblicità e propaganda. L’affare banche mostra un conflitto d’interessi enorme, è coinvolto un ministro del Governo, l’affare è molto delicato, sono stati mandati a monte risparmi di gente innocente che ci ha rimesso anche la vita. Il fatto che in televisione non se ne possa parlare è incommentabile.Mostra che il governo su questo punto è terribilmente debole e vuole tappare la bocca su questa vicenda che è destinata ad ingrossarsi”.

Carla Ruocco a Radio Cusano Campus ha aggiunto: “Si può parlare di Rai fascista. La rai è sotto scacco del governo e con le riforme di Renzi lo sarà sempre di più. Il premier ha sostituito la politica con la mano governativa. E’ una dittatura, non possiamo definirla in altro modo, e la cosa più frustrante per noi cittadini è che la Rai è pagata da noi cittadini, che diamo milioni di euro all’anno a presentatori pagati proprio per raccontare le menzogne del governo. Il caso Giannini può un pericoloso precedente. Punirne uno per educarne cento. Gianni in tanti altri momenti era stato a favore di alcune tematiche governative, appena si è discostato da questo schema è stato messo al rogo. Il punirne uno per educarne cento è una triste verità, stiamo tornando in un oscurantismo medievale”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=6516

Fonte: Radio Cusano Campus