10 dicembre 2016

Calcio ed omosessualità: quanta omertà ed anche ipocrisia in Italia, le parole del giovane escort Francesco

A tu per tu con Francesco M., il giovane escort che, in diretta radiofonica alla trasmissione La Zanzara su Radio24, ha dichiarato ai conduttori Cruciani e Parenzo di avere avuto tra i suoi clienti anche allenatori professionisti di calcio. Proprio a pochi giorni di distanza da quella polemica nazionale che aveva diviso l’opinione pubblica tra innocentisti e colpevolisti dopo la querelle tra gli allenatori Sarri del Napoli e Mancini dell’Inter. Ma anche l’ex giocatore della Nazionale, Francesco Coco, ha pubblicamente dichiarato come esistano effettivamente calciatori gay, ma impossibilitati a fare coming out per non compromettere la propria carriera.

La scorsa settimana ha destato grande scalpore il litigio che ha coinvolto gli allenatori Sarri del Napoli e Mancini dell’Inter. Anche se il diverbio, dopo accese polemiche, è stato appianato, resta comunque il problema di fondo nel nostro Paese: lo spinoso tema dell’omofobia.

Personalmente non sono mai stato vittima di pregiudizi o offese per il mio orientamento sessuale. Non so se sia stata una questione di fortuna o se sia dovuto alla mia capacità di frequentare persone intelligenti. Ma ciò non toglie che l’omofobia sia oggi un’emergenza. Se è vero che abbiamo fatto dei passi avanti rispetto a qualche lustro fa, quando le offese per l’orientamento sessuale o, peggio ancora, per l’effeminatezza, erano all’ordine del giorno e nessuno osava denunciarle, è pur vero che il cammino è ancora lungo e non è sufficiente che oggi l’omofobia sia riconosciuto come un comportamento socialmente riprovevole: bisogna arrivare a sradicarla dal sentito comune, soprattutto da quello delle nuove generazioni.

Tra i tuoi facoltosi clienti hai avuto anche personaggi del calcio?

“Come ho dichiarato in diretta radiofonica ai conduttori della trasmissione radiofonica La Zanzara, tra i miei clienti c’è stato qualche sportivo professionista. Ma ciò non deve certo meravigliare, perché la rosa di coloro che si rivolgono a me è ampia e diversificata, per estrazione sociale, età, stato civile, professione, orientamento sessuale e provenienza geografica. Quindi non è così assurdo che anche uno sportivo possa scegliere questa forma di divertimento, soprattutto se consideriamo quante squadre esistano e quanti sono quindi gli sportivi professionisti, di cui però nessuno ha mai fatto coming out. Ho avuto come clienti anche un dirigente ed un allenatore di calcio, ma l’aspetto paradossale è che tutti questi atleti, dirigenti ed allenatori vivono nella clandestinità e con grande conflitto interiore il loro orientamento sessuale. L’omosessualità nel calcio, soprattutto in Italia, è considerata un vero tabù. Qualcuno, per mascherare la propria doppia vita, ha pure ostentato in pubblico una certa chiusura mentale nei confronti dell’omosessualità. Emerge, pertanto, una certa ipocrisia di chi evita di fare coming out per paura del giudizio degli altri. All’estero, invece, gli sportivi professionisti hanno invece meno compessi e vivono con più serenità la propria identità sessuale. Ma questo stesso discorso potrei farlo anche per le persone che nel proprio lavoro vestono una divisa”.

Pensi che l’omofobia sia sostanzialmente una distorta costruzione? Avverti negli altri la paura nei confronti delle diversità?

Ritengo che l’omofobia sia figlia di una cultura che considera un genere superiore all’altro e un orientamento sessuale superiore all’altro. E questa ideologia va superata partendo dalla base, cioè dalla famiglia e dalla scuola. Per le generazioni precedenti era un lusso per pochi potersi permettere di fare coming out in famiglia o a scuola: oggi, per fortuna, il coming out  rappresenta una possibilità. Ma non è ancora sufficiente: è necessario decostruire il concetto di diversità attraverso la cultura dell’uguaglianza.

Cosa consiglieresti ad un giovane per superare il suo disagio nel cammino di accettazione e per vivere con serenità il suo orientamento sessuale nella famiglia e nella società?

Penso che il modo migliore per vivere serenamente la propria identità affettiva e sessuale sia innanzitutto rivendicarla a se stessi, mettendo in cima alla lista delle priorità la propria realizzazione personale e sentimentale e non già le aspettative della famiglia e della società. Bisognerebbe imparare a smettere di posporre le propria felicità e la propria libertà alla preoccupazione di eludere le domande di amici e parenti sulla propria vita privata. Come dice un mio caro amico, attivista LGBT, o si è felici o si è complici. Complici della propria infelicità.

Quel servizio andato in onda nel programma “Le Iene” e che avrà un seguito anche a Febbraio su Italia1, ti ha dato sicuramente visibilità a livello mediatico, ma non hai voluto approfittare della situazione per un tornaconto personale. E’ questo il messaggio che volevi trasmettere anche ai detrattori che pensano che un giovane escort non sia in grado di difendere e rappresentare i diritti e la dignità delle persone omosessuali?

Erroneamente molti pensano che tutte le persone che vendono il corpo non abbiano cervello. Paradossalmente io ho iniziato a vendere il corpo dopo essermi laureato in Giurisprudenza, proprio per non svendere più il cervello: questo è il mio concetto di dignità! Se qualcuno ritiene che, solamente per il lavoro che svolgo, la qualità delle mie idee e delle mie parole sia più scadente di altre, allora il limite è squisitamente suo: a differenza di molte persone, più o meno dichiarate, che si nascondono dietro l’ombra della privacy e della riservatezza, io ci metto sempre la faccia in ciò che faccio, e non per fierezza o per ottenere visibilità, ma per mera coerenza. Per il mio lavoro la visibilità che può dare un servizio in onda a “Le Iene” è più un deterrente che un vantaggio. Quello che mi ha spinto a denunciare un mio cliente non è stato l’interesse ad apparire in tv. Infatti per la delicatezza dell’attività che svolgo, tutelo sempre gli interessi e la privacy delle persone che scelgono di divertirsi con me, ma allo stesso tempo esigo rispetto per la mia dignità personale: di fronte a determinati comportamenti, non si può e non si deve essere omertosi. Quando qualcuno, come nel caso del cliente prete che ho “sputtanato”, vilipende il mio onore, dubitando della mia intelligenza, mi lancia una sfida che è persa in partenza perché io, a differenza di molte altre persone, non ho nulla da nascondere e vivo il mio lato oscuro alla luce del sole.

La tua professione di escort ti ha agevolato a capire meglio le tematiche e le problematiche della collettività LGBTI?

La mia attività mi ha dato modo di capire quanto spesso le persone reprimano non soltanto le proprie pulsioni, ma addirittura le proprie esigenze, i propri diritti, il tutto per inseguire un modello di famiglia e di società che in molti casi è solamente apparenza. Per questo mi ritengo fortunato di essermi guadagnato il beneficio di sapermene infischiare dell’altrui biasimo o plauso.

Nel tuo cassetto c’è un progetto editoriale. Sarà un libro anche con piccanti rivelazioni o sarà una raccolta di sensazioni ed emozioni scaturite da amicizie, incontri, relazioni e confidenze?

E’ un progetto che sto sviluppando con Mario Gelardi, autore e regista teatrale.

Abbiamo tentato di indagare sul perché oggi una persona, come me, nonostante abbia studiato, possa scegliere di prostituirsi anziché tenere il culo dietro una scrivania. Ma è anche un viaggio all’interno dei vizi delle persone più apparentemente insospettabili: il contenuto è particolare perché della prostituzione maschile è stato fino a oggi detto e scritto poco, soprattutto di quella sviluppatasi a seguito della disoccupazione e del precariato che ha coinvolto anche tanti brillanti laureati. Non è il tentativo di cercare l’assoluzione o la comprensione di chi legge ma, casomai, solo un ulteriore mezzo per rivendicare la mia identità ideologica.

Marco Tosarello