8 dicembre 2016

Meloni, Fratelli d’Italia: “Con sospensione Schengen rischiamo di diventare il centro profughi d’Europa”

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“La sospensione degli accordi di Schengen sarebbe pericolosissima per l’Italia –ha affermato Meloni- Se gli Stati europei chiudono le frontiere, senza un rafforzamento dei confini esterni, significa per l’Italia rischiare di diventare il centro profughi d’Europa. Alfano parla di hotspots. E’ sempre difficile capire cosa dice Alfano, che sulla gestione della vicenda migratoria non è molto lucido. Alfano si rende conto che abbiamo un problema serio perché non riusciamo a farci garantire dall’Europa una difesa dei nostri confini esterni. Io penso che se l’Austria chiude le frontiere, lo debba fare anche l’Italia con il confine sloveno. La libera circolazione degli individui è una conquista solo se si difendono i confini esterni dell’Unione Europea. Qui si sta facendo il gioco del cerino e non possiamo rimanere col cerino in mano. E’ l’Italia che sta facendo saltare Schengen, perché ha fatto entrare tutti senza controllare e fa circolare anche gli irregolari in tutto il territorio europeo”.

Sulla copertura delle statue di nudo ai Musei Capitolini durante la visita del presidente iraniano Rohani a Roma. “Non credo che Renzi e Franceschini non sapessero –ha affermato Meloni-. Renzi è il più grande scaricabarile della storia d’Italia, è cintura nera di bugie. Mi sembra molto difficile che non fosse al corrente di questa vicenda, dato che era lì, passando le avrà viste che erano coperte. Avrebbe dovuto arrabbiarsi per questa cosa, dato che era un’occasione per mostrare a un leader di un paese straniero le bellezze di Roma. Se lui non ha detto nulla, vuol dire che allora sapeva”.

Marine Le Pen, leader del Front National, verrà a Roma per una manifestazione congiunta con Fratelli d’Italia. “Marine Le Pen ci ha dato una disponibilità di massima legata alle prossime elezioni amministrative –ha affermato Meloni-. Scherzando Le Pen mi ha detto: ‘Se sarà a giugno ancora meglio, perché Roma a primavera è una città ancora più bella’. Vedremo nei prossimi mesi come si evolverà la situazione, a livello di campagna elettorale”.

Fonte: Radio Cusano Campus