4 dicembre 2016

Debutto “russo” per Anna Tifu con Yuri Temirkanov Direttore Onorario di Santa Cecilia

Roma, Auditorium Parco della Musica 11 04 2015 Stagione di Musica Sinfonica Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Yuri Temirkanov direttore ©Musacchio & Ianniello ******************************************************* NB la presente foto puo' essere utilizzata esclusivamente per l'avvenimento in oggetto o per pubblicazioni riguardanti l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia *******************************************************

 

Yuri Temirkanov torna a Roma per il consueto appuntamento privilegiato con la “sua” Orchestra di Santa Cecilia dopo la nomina a Direttore Onorario del novembre scorso; per l’occasione aveva dichiarato: “Sono particolarmente onorato e felice di ricevere il titolo di Direttore Onorario dell’Orchestra e del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Ho sempre lavorato proficuamente con queste compagini, per tanti anni, molti di più che con la Filarmonica di San Pietroburgo. E per me ogni volta è stato un grande piacere”.

MG_9766Il concerto della Stagione Sinfonica (Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia, Sabato 30 gennaio ore 18 – Lunedì 1 febbraio ore 20,30 – Martedì 2 febbraio ore 19,30) si arricchisce anche di un altro particolare significato: il debutto a Santa Cecilia della giovane violinista Anna Tifu.

Il programma è un omaggio ai compositori russi: in apertura il sontuoso Valzer da Concerto n. 2 di Glazunov che riporta idealmente alle feste da ballo della Belle Epoque. Di seguito l’intenso Concerto per violino n. 1 di Šostakovic, pagina molto originale nella forma (in cinque movimenti, quasi una Suite) e profonda meditazione esistenziale, scritto per David Oistrach e a lui dedicato. In chiusura le trascinanti Danze Sinfoniche di Rachmaninoff un vero banco di prova per qualsiasi compagine orchestrale, dove si ritrova la cifra più autentica del compositore sempre in bilico tra la nostalgia del passato e la necessità di una ricerca espressiva moderna ed originale.

Vincitrice nel 2007 del prestigioso concorso internazionale George Enescu di Bucarest, Anna Tifu è considerata una delle migliori interpreti della sua generazione. Nata a Cagliari, ha iniziato gli studi musicali all’età di sei anni sotto la guida del padre e a suonare in pubblico a 8 anni, vincendo il primo premio con Menzione Speciale di Merito alla Rassegna di Vittorio Veneto. A undici anni ha debuttato come solista con l’orchestra National des Pays de la Loire. A dodici anni debutta alla Scala di Milano con il Concerto n.1 di Max Bruch. All’età di quattordici anni vince il 1° premio al Concorso Internazionale Viotti Valsesia e nello stesso anno vince il 1° premio al Concorso Internazionale M. Abbado di Stresa. Si diploma appena quindicenne al Conservatorio di Cagliari con il massimo dei voti e la Menzione d’Onore.

Ha studiato dall’età di otto anni per dieci anni con Salvatore Accardo all’Accademia Walter Stauffer di Cremona e successivamente all’Accademia Chigiana di Siena dove nel 2004 ottiene il Diploma d’Onore.

Dal 2005 al 2008 studia al Curtis Institute di Philadelphia con Aaron Rosand, Shmuel Ashkenazy e Pamela Frank e a Parigi dove ha ottenuto il diploma superiore di Concertista.

Si è esibita come solista con l’Orchestra della RAI di Torino, l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, l’Orchestra dell’Arena di Verona, l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’Orchestra Verdi di Trieste, la Filarmonica George Enescu e l’Orchestra Radio di Bucarest, l’Orchestra da Camera della Lituania, Orchestra da Camera di Monaco, KZN Filarmonica di Durban, l’Orchestra Filarmonica del Qatar, LSO di Maastricht, l’Orchestra da Camera della Israel Philarmonic Orchestra, Orchestra da Camera di Monaco, Orchestra da Camera di Praga e tante altre e al fianco di importanti direttori tra i quali Gustavo Dudamel, Diego Matheuz, Juraj Valcuha, Julian Kovatchev, Sergiu Comissiona, Cristoph Poppen, Hubert Soudant, Giampaolo Bisanti, Gèrard Korsten,  Cristian Mandeal, Aldo Ceccato, Gabor Ötvös, Justus Frantz, Lü Jia, Ronald Zollman, David Afkham, Roberto Benzi.

MG_9772Gli impegni più prestigiosi del 2014 e 2015 includono la partecipazione con l’Orchestra della Rai di Torino e Juraj Valcuha al Festival George Enescu di Bucarest, il concerto sempre con l’Orchestra Rai e Valcuha in occasione del Prix Italia, concerti al Teatro Filarmonico di Verona, al Teatro Lirico di Cagliari, al Khachaturian Festival di Yerevan, concerto a Tbilisi con l’Orchestra del Teatro dell’Opera e Gianluca Marciano’, il debutto con Gustavo Dudamel e la Simòn Bòlivar Orchestra del Venezuela, concerto al Teatro Carlo Felice di Genova e l’inaugurazione della stagione sinfonica 2014-2015 del Teatro la Fenice di Venezia con Diego Matheuz, la tournee in Russia con l’Orchestra della RAI di Torino.

Ha collaborato con musicisti come Maxim Vengerov, Alexander Romanovsky, Boris Andrianov, Giuseppe Andaloro, Pekka Kuusisto, l’attore statunitense John Malkovich e Andrea Bocelli, il quale nel 2011 ha invitato Anna come solista ospite in occasione di numerosi concerti in Italia e all’Estero.

Ha tenuto concerti a rinomati festival come il Tuscan Sun Festival, Menton festival, Ravello festival, Al Bustan di Beirut e il George Enescu festival dove e’ regolarmente invitata, oltre che presso celebri sale da concerto come la Scala di Milano, Auditorium Parco della Musica di Roma, Teatro Massimo e Politeama di Palermo, Palazzo del Qurinale di Roma, Auditorium della Rai di Torino, Teatro Arcimboldi di Milano, Tel Aviv museum of Art, Konzerthaus di Dortmund, Konzerthaus di Berlino, Salle Cortot di Parigi, Fazioli Concert Hall, Schloss Elmau, Rudolphinum Dvorak Hall di Praga, Ateneo e sala Palatului di Bucarest, Madison Square Garden di New York, Staples Center di Los Angeles, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Olimpico di Vicenza.

Anna Tifu è stata testimonial della campagna pubblicitaria 2011 di Alitalia, assieme a Riccardo Muti, Gabriele Tornatore e Eleonora Abbagnato. Suona un violino Stradivari “Marèchel Berthier” 1716 ex Napoleone gentilmente offerto dall’Associazione Pro Canale di Milano.

Dal 1988 Yuri Temirkanov è Direttore artistico e Direttore principale dell’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, compagine con la quale tiene regolarmente concerti e tournée internazionali, ed anche Direttore ospite principale del Teatro Bolshoj.

Il suo legame con l’Orchestra di San Pietroburgo è profondo e risale al 1967, al tempo Filarmonica di Leningrado; fu allora che venne invitato a farne parte in qualità di Assistente direttore di Evgeny Mravinsky. Nel 1968, fu nominato Direttore principale dell’Orchestra sinfonica di Leningrado, con la quale rimase sino alla nomina nel 1976 di Direttore musicale del Teatro Kirov, oggi Teatro Mariinskij; le produzioni di Evgenij Onegin e della Dama di picche che risalgono a quegli anni sono diventate leggendarie. Da allora Yuri Temirkanov ha intrapreso una carriera internazionale di grande successo, acclamato sui principali palcoscenici internazionali e ospitato dalle più grandi orchestre in Europa, Asia e Stati Uniti. Temirkanov è stato il primo artista russo a esibirsi negli Stati Uniti dopo la ripresa delle relazioni culturali con l’Unione Sovietica a seguito del conflitto in Afghanistan nel 1988.

Ha diretto i Berliner e Wiener Philharmoniker, la Staatskapelle di Dresda, la London Philharmonic, la London Symphony, il Koninklijk Concertgebouworkest, l’Orchestra di Santa Cecilia e la Filarmonica della Scala. Ospite fisso negli Stati Uniti, dirige le maggiori orchestre di New York, Philadelphia, Boston, Chicago, Cleveland, San Francisco e Los Angeles.

Le sue numerose incisioni includono collaborazioni con la Filarmonica di San Pietroburgo, la New York Philharmonic, l’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Danese e la Royal Philharmonic Orchestra con la quale ha registrato tutti i balletti di Stravinskij e le Sinfonie di Čajkovskij. Ha ricevuto molti importanti premi sia in Russia che all’estero: nel 2003, Vladimir Putin gli ha conferito la medaglia del presidente; nel 2002 ha ricevuto il Premio Abbiati come Miglior Direttore; nel 2003 è stato nominato in Italia Direttore dell’anno e, recentemente, è diventato Accademico Onorario di Santa Cecilia.