7 dicembre 2016

Calcio – Coppa Italia ,le dichiarazioni dei protagonisti rossoneri nel post partita di Alessandria-Milan

MISTER MIHAJLOVIC
“Sono soddisfatto a metà perché abbiamo vinto, ma doveva chiuderla in maniera definitiva. Abbiamo messo i minuti nelle gambe di chi gioca di meno e ora pensiamo al derby. Le squadre chiuse rendono più difficile il gioco, ma quando capitano le occasioni devi chiudere la partita, questa sera non siamo riusciti. Ci manca cinismo davanti alla porta, non scordiamoci che l’Alessandria ha buttato fuori due squadre di Serie A come Palermo e Genoa. Se avessimo segnato la metà dei gol che abbiamo creato anche in classifica quest’anno saremmo più avanti. Non bisogna mai stare tranquilli, sappiamo che Mario e Prince e altri giocatori che hanno giocato di meno non hanno 90’ nelle gambe e quindi il modo migliore per poter recuperare la condizione è farli giocare. Il derby quando vinci va bene per la classifica per il morale, abbiamo le qualità per vincerla e la prepareremo bene. Se ci capitano le occasioni bisogna buttarla dentro altrimenti sarà dura vincere.”

MARIO BALOTELLI
Mario Balotelli, attraverso l’Ufficio Stampa AC Milan, fa sapere che oggi non si fermerà a rilasciare dichiarazioni ai microfoni dei cronisti e giornalisti presenti allo Stadio Olimpico di Torino. Il numero 45 rossonero vuole tornare al meglio della condizione fisica, in piena forma. In questo periodo cercherà di far parlare soprattutto il campo, attraverso i gol. La rete di questa sera si spera possa essere un inizio.

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Diciamo che sono soddisfatto a metà , vincere abbiamo vinto ma potevamo chiuderla segnando più gol. Di positivo c’è che abbiamo messo minuti nella gambe a chi gioca di meno, abbiamo visto una buona Alessandria ma dovevamo chiuderla prima. Lo stesso difetto che abbiamo in campionato è quello che creiamo tanto ma concretizziamo poco. Dovevamo fare meglio, è demerito nostro il fatto di non chiudere subito le partite che così facendo rimangono in bilico fino all’ultimo. Diego Lopez non è ancora apposto fisicamente, è andato l’altro ieri in Belgio per un consulto, il recupero procede bene ma ancora non si allena con la squadra. Penseremo alla gara di ritorno quando arriverà, ora siamo concentrati sul Campionato poi il 1^ Marzo penseremo all’Alessandria. Se noi sfruttiamo le occasioni che abbiamo la partita riesci a chiuderla, in tutte le partite funziona così. Rischi poi di pareggiare e perderle queste partite se non trovi i gol. Mario sapevo che è ancora indietro nella condizione, Prince ha fatto bene quando è entrato nelle partite ma sapevo che erano entrambi indietro di condizione e farli giocare permette a loro di mettere minuti nelle gambe. L’impegno c’è stato ma la condizione fisica non era delle migliori, non è facile per chi gioca di meno di fare bene subito. Il giudizio cambia visto il risultato e visto il secondo tempo, ma anche nel primo tempo abbiamo avuto tante occasioni dove era più facile segnare che sbagliare. Alcuni giocatori hanno giocato poco, altri erano fuori condizione e quindi ciò porta a certi sbagli. Credo che il problema sia più tecnico e psicologico che fisico. Siamo la squadra che tira di più in porta, che crea di più ma si vede che ci piace soffrire e non è una cosa che va bene e su cui dobbiamo migliorare. Noi siamo consapevoli che questa partita dovevamo chiuderla definitivamente e non siamo riusciti, ma noi restiamo con i piedi per terra, siamo sereni e lavoriamo.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.