4 dicembre 2016

La sofferenza psicologica nella diagnosi da endometriosi. Un sollievo è possibile

L’endometriosi è una patologia che coinvolge globalmente la salute della donna con effetti psico-fisici spesso debilitanti. Si tratta di una malattia cronica in cui un tessuto simile a quello endometriale viene a trovarsi in sedi anomale (soprattutto a livello di ovaie, tube, utero, legamenti utero-sacrali; arti, polmoni e in qualunque organo del corpo). Di fronte alla peregrinazione diagnostica e ai trattamenti farmacologici pesanti, messe alla prova dalle difficoltà di concepimento, le pazienti hanno spesso bisogno di ascolto, quindi di una presa in carico psicologica. Tuttavia, nel momento in cui viene comunicata la diagnosi di endometriosi, alcune donne non sentono il bisogno di rivolgersi a un terapeuta: a prevalere è il senso di sollievo per aver finalmente trovato un responsabile dei dolori fisici con cui convivono e la causa della loro infertilità. Eppure, per le procedure terapeutiche che verranno proposte per curare le lesioni da cui sono affette, è importante sapere che è utile cercare di ridurre il livello di stress. La necessità di parlare della malattia e delle sue conseguenze può emergere in un secondo momento. In generale, è la sensazione di non avere più soluzioni a convincere dell’utilità di ricevere un sostegno psicologico. Ciò conferma, quanto molti studi scientifici dimostrano: le emozioni(rabbia, tristezza…) possono avere conseguenze sull’origine della malattia e sulla percezione del dolore, attivando una sofferenza psicologica di impotenza, malinconia, paura per il futuro, angoscia che necessitano di un processo di elaborazione. Indipendentemente dal fatto che si tratti di ricevere sostegno per affrontare il dolore, analizzare le cause della malattia o parlare del proprio desiderio di maternità, può essere utile iniziare una psicoterapia, come dichiara Jean-Michel Louka nei Cahiers du Syngof (Sindacato Nazionale degli Ostetrici-Ginecologi Francesi): a un certo punto accade che, l’endometriosi di una paziente in psicoterapia si plachi, che i dolori si attenuino, che i continui interventi chirurgici diventino inutili… e che il figlio tanto atteso arrivi.