9 dicembre 2016

Roma – Sgarbi: “Coprire le statue dei musei è da deficienti, Rohani avrà pensato che fossero in ristrutturazione”

Vittorio Sgarbi è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In occasione della visita del presidente iraniano Hassan Rohani in Campidoglio sono state coperte da pannelli bianchi su tutti e quattro i lati alcune statue di nudi dei Musei Capitolini. La copertura sarebbe stata decisa come forma di rispetto alla cultura e sensibilità iraniana. “Ci sono due ipotesi –ha affermato Sgarbi-, può essere una forma di sottomissione culturale oppure una forma di superbia rispettosa. In entrambi i casi è una cosa folle, da deficienti. Non si può confondere l’Iran con l’Arabia Saudita o con i paesi islamici post Maometto, perché la civiltà persiana è più antica della nostra ed è fondata su una tradizione che ha anche statue di nudo a Persepoli. Se Rohani arriva a Roma di certo non si stupisce che Roma possa avere statue nude. Non è dell’ Isis, non è dell’ Arabia Saudita, fa parte di una civiltà straordinaria. I fanatici dell’Islam distruggono Palmira, ma un persiano non ha mai distrutto Persepoli. E’ una follia di eccesso di zelo, divisa tra superbia rispettosa e sottomissione idiota. E’ un’assurdità. Se l’ha fatto il governo è grave, se l’hanno fatto quelli dei Musei capitolini è ridicolo. Qui non sono a confronto due religioni, ma due civiltà. Non si può confondere l’islamismo maomettano con un’antica civiltà islamica piena di storia e di gloria. Credo che Rohani non si sia offeso, perché ha pensato che le statue fossero in restaurazione.  Non avrebbe mai potuto pensare ad una forma di ossequio così idiota. Se l’avessero fatto col leader dell’Arabia Saudita e dello Yemen, avrebbe potuto significare: ‘sono talmente superiore che se ti dà fastidio te le tolgo’, come quando qualcuno viene ospite a casa tua e non mangia pesce e tu non gli cucini il pesce. Noi abbiamo presunto che a Rohani non piacesse il pesce”.

Riguardo il tema delle unioni civili.  “Sono d’accordo con la leader delle donne omosessuali di Parigi, che si è detta contro i matrimoni e le adozioni gay –ha affermato Sgarbi-. Questa normalizzazione dei rapporti è una follia. Bisogna andare verso il progresso, non sigillare la gente con il matrimonio. Poi quando divorzieranno e si troveranno a doversi spartire i beni si pentiranno”.

Sulle elezioni amministrative. “Io non ho fatto nessun nome –ha spiegato Sgarbi-. Berlusconi mi ha detto che voleva Bertolaso e Del Debbio per Roma e Milano, io mi sono permesso di eccepire e lui mi ha detto che mi vede benissimo a Bologna. Prima di Bologna però faremo un sondaggio a Milano per vedere se il mio nome ottiene quel riscontro che io credo. A Milano si faranno le primarie che sono inutili  perché le vincerà Sala, che è al 50% nei sondaggi mentre gli altri al 15%. Poi c’è anche l’ipotesi che mi candidi a Trieste. A Roma non ho mai pensato di candidarmi, ho fatto un ragionamento su Bologna, Milano e Trieste. A Roma e Napoli ci vuole un masochista. Roma è ingovernabile, vinceranno i 5 stelle. Ci vuole freschezza fisica, bisogna governare come un guerriero. Potrei querelare quel magistrato che ha coniato il termine mafia capitale per quattro ladruncoli che non sono la mafia”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=486&dl=6449

Fonte: Radio Cusano Campus