3 dicembre 2016

Di Maio: “Prima ti masticano, poi ti prendono per i fondelli e infine ti sputano”

L’Eni a Gela ha inquinato pesantemente il territorio. Le attività petrolchimiche hanno causato impennate terribili degli indici tumorali. Per anni si è detto: “fa male ma almeno dà lavoro a centinaia di famiglie”.
Adesso anche questa ultima certezza è crollata. Venerdì ho incontrato in strada 500 operai che hanno perso tutto, sia il lavoro che gli ammortizzatori sociali, oltre alla salute.
Un Governo serio dovrebbe chiedere a queste aziende che hanno devastato l’ambiente, un piano serio di bonifiche formando e facendo lavorare proprio coloro che hanno perso il lavoro.
Questo però nella Sicilia di Crocetta e nell’Italia di Renzi non avviene.
Anzi, si sta avallando l’idea della “Green Raffinery” un modo elegante per dire “fregatura”.
Un’invenzione che gli salva capre e cavoli: promette nuovi posti di lavoro (inesistenti) ed evita di risanare seriamente il territorio.
Una delle persone in strada mi ha detto: “Noi chiediamo che l’Eni ci restituisca l’agricoltura e il turismo di cui ci ha privato anni fa con l’impatto del suo stabilimento, chiediamo la bonifica del territorio”.
Io sono d’accordo. Riprendiamoci la bellezza di quei luoghi e facciamoli fruttare per le loro bellezze.
Ho appena scritto al Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico chiedendogli di mettere in discussione il piano dell’Eni su Gela. Quel piano non funziona. Investiamo in bonifiche.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5928 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.