10 dicembre 2016

Roma – Una nuova disciplina per i tempi nuovi, nasce l’endocrinologia 2.0

Giornata epocale per gli endocrinologi e nuovo anno all’insegna dell’inizio di un percorso rinnovato dell’Endocrinologia italiana. Il seminario di oggi, che vede riuniti gli Stati Generali dell’Endocrinologia, rappresenta il fil rouge di una discussione che proseguirà fino al prossimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Endocrinologia (SIE), a giugno 2017, che vuole proporre un volto nuovo della disciplina ‘Endocrinologia e Scienza del benessere’ e si concluderà con una sorta di Libro Bianco sullo stato dell’arte che sarà presentato ad amministratori, decisori politici, istituzioni e media proprio nel Congresso del 2017.

Il confronto tra l’Endocrinologia di oggi e quella di domani, definita per questo “Endocrinologia 2.0”, vede il faccia a faccia fra i maestri/clinici di oggi e gli specializzandi in un alternarsi di brevi letture tenute dai docenti e discussioni aperte con gli specializzandi, segno del cambiamento in atto.

«L’Endocrinologia, nell’ultimo decennio e in particolare in questi ultimi cinque anni, è molto cresciuta – dichiara il Professor Andrea Lenzi, Presidente della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) – si è evoluta sia dal punto di vista clinico e delle nuove competenze che ha dovuto affrontare, mi riferisco a tutte quelle patologie di rilievo sociale come ad esempio l’obesità, l’osteoporosi, la disfunzione della fertilità e della sessualità, le malattie e i tumori rari in endocrinologia e molte altre per cui non è ancora noto alla gran parte dei Pazienti il ruolo dell’Endocrinologo, sia sotto il profilo scientifico, in quanto oggi sempre di più è tutto legato a sostanze chimiche (alimenti, ambiente, inquinanti) e in particolare gli ormoni sono le sostanze caratterizzate dalla più elevata potenza biologica conosciuta, influenzando la vita e la salute di uomini e donne. L’Endocrinologia mai come oggi deve essere in grado di curare e gestire tre epoche molto importanti della vita di un individuo: la fase dello sviluppo, la fase della maturità e la fase della vecchiaia, la quale va governata sempre meglio per evitare gravi patologie e disabilità. L’Endocrinologo – continua Lenzi – deve avere la capacità di adattarsi a questi cambiamenti e per questo deve ricevere una formazione lungo l’intero percorso di studio, dal Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, alla Scuola di Specializzazione, fino ai Master e Dottorati di ricerca ed anche una formazione continua con l’ECM. L’Endocrinologia del futuro è orientata verso l’alta specializzazione e il “Super-Endocrinologo” del domani sarà una figura di raccordo tra molteplici discipline, ma anche un ricercatore raffinato e al tempo stesso un clinico esperto, preparato ad affrontare una società in continua evoluzione».

Una rivoluzione in varie tappe che sono state oggetto della giornata di lavori. A cominciare dall’assistenza, caratterizzata sempre più dall’essere l’Endocrinologo il Medico del benessere, ma anche un ricercatore traslazionale che studia le molecole e osserva i sintomi. Il “Super-Endocrinologo” dei prossimi anni si confronta con le altre specializzazioni generaliste, nella cui short list è iscritto di diritto, e con l’uso, il cattivo uso e l’abuso di farmaci e diagnostica; indispensabile quindi anche la formazione, che preparerà l’Endocrinologo a nuove dinamiche scientifiche, tecnologiche e socio-economiche, ma anche a organizzare e gestire i rapporti con i Servizi sanitari, specie in fatto di costi e sostenibilità.

In conclusione la convocazione degli Stati Generali ha ridefinito i principali asset dell’Endocrinologia, sempre più orientata a diventare un nuovo paradigma di assistenza, cura e ricerca. Università e Società Scientifiche guideranno l’Endocrinologo verso una innovativa Medicina del benessere a tutte le età.