6 dicembre 2016

Roma – Questione Capitale, presidio il 27 gennaio alle 15 a Piazza Montecitorio

Il taglio dei diritti e delle buste paga dei dipendenti capitolini, il disegno di privatizzare asili nido e di cedere allo Stato le scuole dell’infanzia, l’incerto futuro occupazionale di 5.000 educatrici ed insegnanti precarie, la trasformazione delle funzionidella Polizia Locale, la volontà di dismettere i servizi essenziali -dal trasporto pubblico alla raccolta dei rifiuti, dai servizi culturalia quelli alla persona, fino ai servizi dedicati agli animali -sono tutte questioni capitali di cui il Governo Centrale è direttamente responsabile.

La città è gestita da un emissario governativo,nelle vesti di Commissario Straordinario, che sta sperimentando sulla pelle dei dipendenti capitolinie delle società controllate le “riforme” da adottare per tutte le categorie collegate ai servizi pubblici degli enti locali, misure che preannunciano precarizzazione, licenziamenti, abbattimento dei diritti e dei salari, tagli ai servizi. Per questi motivi, in rappresentanza del personale, che vivono e lavorano per Roma Capitale, porteremo la nostra protesta e le nostre istanze direttamente sotto le finestre dei reali decisori politici.

Invitiamo tutte e tutti al presidio di mercoledì 27 gennaio 2016, dalle ore 15, in Piazza di Montecitorio. per un piano di stabilizzazione del personale a tempo determinato di nidi e scuole dell’infanzia e contro ogni ipotesi di licenziamento del precariato storico; per valorizzare le attività di natura pubblica in ambito scolastico-educativo, bibliotecario e culturale, nei servizi di integrazione e recupero della disabilità e del disagio sociale, del trasporto e della raccolta dei rifiuti, contrastando dismissioni, esternalizzazioni e accorpamenti di servizi pubblici; per un contratto decentrato dei dipendenti capitolini che finalmente tuteli la dignità del lavoro pubblico e consenta il recupero effettivo del salario accessorio; per l’utilizzo proprio della Polizia Locale al servizio dei territori; per la riqualificazione dei servizi ai cittadini nel rispetto dei tempi di vita dei dipendenti.

USI – USB – COBAS – ASBEL/CNL