6 dicembre 2016

Marina di San Nicola – Il presidente Tondinelli replica al Movimento 5 Stelle

In relazione al comunicato a firma del Movimento 5 Stelle di Ladispoli riguardo alla nuova Convenzione, apparso sulla stampa locale giovedì scorso 21 gennaio, lo scrivente intende qui rispondere all’attacco ingiustificato sferrato in tale frangente nei confronti del Consorzio Marina di San Nicola.

Il contenuto del comunicato fa capire chiaramente che il Movimento si fa portavoce di coloro i quali da alcuni anni gettano fango sul nostro Consorzio, e su chi opera al suo interno, ciò in quanto espone le stesse travisate e distorte problematiche, ricolme di bugie. Rimaniamo a dir poco perplessi nel prendere atto che una entità politica locale, pur essendo impegnata nella campagna elettorale per le amministrative del prossimo anno, dia così tanto credito – a prescindere – a un gruppo di personaggi, ormai ben noto e circoscritto da tempo, che tenta in ogni modo di appoggiarsi, qua e là, a quelle forze politiche locali che possano amplificare le loro idee sul futuro del nostro comprensorio – idee finora condivise solo da un pugno di consorziati – ma anche, come in questo caso, le loro accuse, le falsità e le illazioni mosse da tempo all’indirizzo del Consorzio, molte delle quali abbiamo facilmente demolito, più di una volta, in ogni sede e occasione, documenti alla mano.

Il M5S di Ladispoli ha deciso di agire in questo modo – facendo confusione e disinformazione, anche con palesi contraddizioni – senza minimamente consultare l’altra campana (come si dice), non ritenendo giusto evidentemente confrontarsi in via preventiva con il Consorzio per poi trarne le debite conclusioni. Tra l’altro, nonostante quanto annunciato dal Movimento nel comunicato, nessun suo rappresentante risulta aver preso la parola nel corso della Commissione Urbanistica del 21 gennaio scorso. Ciò premesso, rispondiamo, punto per punto, al comunicato in questione.

  1. E’ totalmente falso che con la nuova Convenzione vi saranno costi aggiuntivi ricadenti sui cittadini di Ladispoli! E’ proprio ed esattamente il contrario: nel caso in cui – come vorrebbe il M5S – i beni passassero “sic et simpliciter” al Comune, l’intera comunità in quel preciso istante si assumerebbe ogni e qualsiasi onere economico riguardante la gestione del territorio di San Nicola (non meno di un milione e mezzo di euro all’anno!), oggi a totale carico del Consorzio e quindi dei consorziati.
  2. I 120mila euro l’anno verrebbero corrisposti dal Comune al Consorzio a titolo di contributo forfetario alla gestione complessiva di tutti i servizi del territorio, in particolare quelli svolti per conto del Comune, come ad esempio la manutenzione dei verdi pubblici (di proprietà comunale dal 1977 e sempre curati dal Consorzio) e la pulizia delle strade (di proprietà consortile ma ad uso pubblico, pulizia da sempre effettuata dal Consorzio, nonostante la tassa della NU, richiesta ai consorziati dal Comune, ricomprenda, al pari dei cittadini di Ladispoli, lo spazzamento a terra della rete viaria). Tutto ciò anche in considerazione dell’addebito annuale ai cittadini/consorziati, da parte del Comune, della cosiddetta TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) riguardante servizi comuni, taluni dei quali, a San Nicola, già cura il Consorzio a spese dei consorziati stessi. Da tener presente che se la gestione del territorio fosse condotta direttamente dal Comune, attraverso ditte private, i costi a carico della comunità sarebbero sicuramente maggiori, e anche di parecchio, come più volte ribadito e comprovato. Basti pensare che i 120mila euro previsti sono ben meno del 10% del bilancio del Consorzio ovvero di quanto pagano i consorziati ogni anno per la gestione del territorio, soldi che spenderebbe la comunità di Ladispoli se in luogo del Consorzio fosse il Comune a provvedere direttamente alla gestione medesima.
  3. E’ falso che i beni immobili del Consorzio (sede, passeggiata a mare, acquedotto e illuminazione) siano stati dichiarati dall’Amministrazione comunale “non a norma, in quanto realizzati senza le necessarie autorizzazioni dell’Ufficio Tecnico comunale”! Tali beni sono tutti a norma e provvisti delle necessarie autorizzazioni di legge! Quindi respingiamo al mittente tale grave affermazione, come anche la becera, squallida allusione della “stampella” offerta dal Comune all’attuale Cda del Consorzio.
  4. E’ falso oltreché palesemente infondato e provocatorio il riferimento ai 600mila euro, che in 5 anni il Comune verrebbe a corrispondere al Consorzio, accostati ai canoni di fognatura e depurazione pregressi, già pagati dai consorziati anni addietro, e che il Consorzio sta girando ratealmente alla Flavia Acque, così come previsto dal protocollo d’intesa siglato tre anni fa (al 31.12.2015 sono stati già versati dal Consorzio alla Municipalizzata circa 325mila euro). E’ falso quindi che tali canoni pregressi vengano versati dal Consorzio alla Flavia Acque “in bolletta dell’acqua”, come improvvidamente scritto dal M5S! I 120mila euro corrispondono semplicemente a quanto il Comune verrebbe ad erogare al Consorzio annualmente quale contributo alla gestione complessiva del territorio e per i servizi resi, come indicato al precedente punto 2.
  5. Non si deve affatto preoccupare il M5S dei dipendenti del Consorzio: il loro futuro è e sarà all’attenzione costante del nostro Cda, come anche – siamo certi – dell’Amministrazione comunale. Quando avverrà il trasferimento del comprensorio al Comune, non v’è dubbio che sarà percorsa ogni e qualsiasi strada, prevista dalle leggi vigenti, per assicurare loro la continuità lavorativa. E gli stessi dipendenti hanno sempre dimostrato, in tal senso, la massima fiducia nei nostri confronti.
  6. E’ falso e anche offensivo definire “fuorilegge” la Convenzione che sta prendendo forma grazie alla sinergia tra Comune e Consorzio! L’ottimo lavoro condotto in particolare dall’Ufficio legale del Comune è stato molto lungo e oltremodo impegnativo proprio per avere la certezza che la stesura definitiva dell’atto, vitale per il futuro di San Nicola, sia in linea, sotto ogni aspetto, con le leggi vigenti. Delle sue gravi affermazioni, pregne di gratuite accuse e falsità, il Movimento 5 Stelle di Ladispoli si assume ogni conseguente responsabilità e verrà chiamato a risponderne legalmente nelle sedi opportune.
  

Il Presidente del Consorzio Marina di San Nicola

Roberto Tondinelli

About Ruggero Terlizzi 2872 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it