10 dicembre 2016

Alatri – Programma regionale per la riduzione del rischio sismico

 

“Sono lieto che ad oggi si stiano completando i nuovi lavori del progetto sugli studi di Microzonazione Sismica del territorio comunale – lo ricorda l’Assessore all’Urbanistica e Patrimonio Massimiliano Fontana –  Il Lazio è stata la prima regione d’Italia, investendo milioni di euro per la per fronteggiare l’emergenza legata ai terremoti, ad adottare gli Indirizzi e Criteri nazionali per la Microzonazione Sismica, approvati dalla Conferenza delle Regioni. Per agevolare i Comuni la stessa Regione Lazio ha concesso, dopo la richiesta dell’Amministrazione Morini (D.G.C. n. 016/2015), un contributo omnicomprensivo di circa 33mila euro per lo studio di primo livello e per gli approfondimenti. Il buon lavoro è stato sviluppato in sinergia dai tecnici comunali della struttura del Settore Edilizio Urbanistico – Sportello Unico per l’Edilizia, coadiuvata nella prima stesura dal Geologo Roberto Spalvieri e oggi, per la seconda fase, dal Geologo Luca Scerrato, che hanno sperimentato e stanno studiando sul campo, operativamente, le metodologie e le direttive dettate dalle Linee Guida per gli studi di Microzonazione Sismica.

Questo Programma di studi, riguarda anche un’analisi sulla Condizione Limite dell’Emergenza, che una volta approvata e validata dalla Regione, costituirà un importante elemento di riferimento tecnico che permetterà al nostro territorio di affrontare al meglio questo tipo di emergenze con una marcia in più, garantendo ai cittadini una maggiore sicurezza e un’efficace prevenzione del rischio sismico per la tutela della pubblica incolumità, per la conoscenza della pericolosità sismica locale e per il contenimento dei danni derivanti da eventuali eventi calamitosi. Semplificando al massimo, gli studi consistono nel raccogliere dati ed effettuare sondaggi ed analisi in varie parti del territorio, verificando i vari tipi di terreno, ed inducendo nel sottosuolo delle deboli vibrazione meccaniche, in modo da registrate le diverse reazioni di ognuno di questi terreni alla vibrazione indotta e quindi, tramite elaborazioni matematiche di risposta, è stata calcolata l’amplificazione ondulatoria che questi terreni possono avere nel caso si verificasse un vero terremoto di forte entità. I dati così ottenuti sono e saranno opportunamente resi in forma cartografica di sintesi, denominata Carta della Microzonazione Sismica.

L’Assessore conclude – doveroso, mi appare, rivolgere un ringraziamento ai Funzionari dell’ufficio Geologico e Sismico della Regione Lazio ed a tutti i tecnici dell’Area stessa, al professionista incaricato Geologo Luca Scerrato ed al Settore comunale, per il solerte e qualificato lavoro che stanno portando velocemente e brillantemente a conclusione, seguendo l’indirizzo politico di questa Amministrazione, che ha fatto dell’impegno sulla sicurezza dei cittadini e sulla gestione delle emergenze un obiettivo primario della propria linea di governo della Città: in questi anni, a causa della scarsità di risorse abbiamo dovuto fare scelte dolorose, ma mai abbiamo dimenticato gli interessi primari della nostra Gente, come le scuole, la manutenzione ordinaria della viabilità comunale, la sicurezza e la massima efficienza nella gestione delle emergenze, restituendo all’esterno l’immagine di un comune attento ed efficiente.”

 

About Samantha Lombardi 4034 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it