11 dicembre 2016

Papa: “Chiesa va dai poveri, cristiani e missionari è la stessa cosa”

Essere cristiano ed essere missionario “è la stessa cosa”, quindi per chi appartiene alla Chiesa la “priorità” è e sarà sempre l’evangelizzazione, soprattutto verso gli “scartati della società”. Papa Francesco lo ha ripetuto all’Angelus celebrato in Piazza San Pietro, durante il quale ha sottolineato che l’evangelizzazione dei poveri non è “assistenza sociale” né “attività politica”, ma “offrire la forza del Vangelo di Dio”. Il servizio di Alessandro De Carolis:

Il cristianesimo è una questione di prossimità con i deboli, le parole sono fondamentali ma non la cosa più importante. Lo dimostra quando la storia della Salvezza arriva all’anno zero e Gesù appare sulla scena a iniziare la sua missione.

Un Maestro diverso
Prima di lui il popolo ebraico aveva conosciuto molti profeti, ma il nuovo Rabbi che viene da Nazareth – spiega Papa Francesco all’Angelus – si staglia subito sugli altri per l’originalità della sua parola, “che rivela il senso delle Scritture”, e per la “potenza” che impone l’obbedienza anche agli “spiriti impuri”:

“Gesù è diverso dai maestri del suo tempo. Per esempio, non ha aperto una scuola per lo studio della Legge, ma va in giro a predicare e insegna dappertutto: nelle sinagoghe, per le strade, nelle case, sempre in giro. Gesù è diverso anche da Giovanni Battista, il quale proclama il giudizio imminente di Dio, mentre Gesù annuncia il suo perdono di Padre”.

Cristiano e missionario “è la stessa cosa”
In un’assolata e fredda domenica, Francesco commenta l’episodio del Vangelo del giorno, Gesù che nella Sinagoga si alza a leggere il passo di Isaia che parla del mandato a proclamare il “lieto annuncio” ai poveri e la liberazione di tutti gli oppressi, concluso da un commento che lascia stupiti i presenti: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”. In questa affermazione si condensa per il Papa tutta l’esperienza cristiana:

“Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quello che Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro”.

Vangelo, non politica
I destinatari privilegiati della Buona Novella, ricorda il Papa, sono per Gesù “i lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società”. Evangelizzarli “significa avvicinarli, servirli, liberarli dalla loro oppressione” e il farlo o meno per Francesco è questione di un ininterrotto esame di coscienza per parrocchie, associazioni, movimenti ecclesiali:

“L’evangelizzazione dei poveri, portare loro il lieto annuncio, è la priorità? Attenzione: non si tratta solo di fare assistenza sociale, tanto meno attività politica. Si tratta di offrire la forza del Vangelo di Dio, che converte i cuori, risana le ferite, trasforma i rapporti umani e sociali secondo la logica dell’amore. I poveri, infatti, sono al centro del Vangelo”.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.