7 dicembre 2016

Fiumicino – Isopo: “Il diritto alla casa va oltre le stesse debolezze dell’uomo”

“È doveroso da parte della collettività intera impedire che delle persone possano rimanere prive di abitazione se si parla di società civile.” Abbiamo menzionato questa citazione della Consulta per ribadire un chiaro e semplice concetto, il diritto all’abitazione (conosciuto anche come “diritto alla casa” oppure “diritto all’alloggio”) è il diritto economico, sociale e culturale ad un adeguato alloggio e riparo.

È presente in molte costituzioni nazionali, nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e nella Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali art. 31, uno dei primi documenti a farne menzione esplicita, nel Trattato di Lisbona art. 34.3. A seguito di un intervista video dell’assessore alle Politiche Sociali, Paolo Calicchio, dove ci tiene a sottolineare, come qualcuno stia strumentalizzando il caso umano di Costantino e Valentina, clochard in tenda in Via Portuense fronte cimitero, noi rispondiamo che risulterebbe l’unica intervista fatta della durata di 20 minuti del suo assessorato, viste poi le tante ramificazioni e argomentazioni di questo dipartimento.

Intervista dove nessuno accenna a parlare di una delibera su proposta del sindaco Montino n. 157 del 2014 dove si istituisce la ‘via comunale’ come indirizzo per le residenze virtuali dei senza tetto del territorio e che poi di fatto recandosi in anagrafe viene respinta ogni richiesta. Notiamo inoltre come commenti personali dell’Assessore sulle dipendenze (alcool) dei due possano alla fine andare a giustificare una forma di ricatto imponendo in cambio di un lembo di terra dove poter poggiare una roulotte, un percorso di riabilitazione e disintossicazione.

Tutte le grandi comunità terapeutiche come anche il Ceis di Don Mario Picchi con grande esperienza nell’ambito delle dipendenze, continuamente indichino nei loro percorsi l’importanza nella volontà e forza nelle motivazioni dell’individuo. In ultimo parla di un accoglienza in emergenza proposta ai due il 24/12 dove venivano inseriti in un contesto dove nella struttura c’erano solo malati mentali via botti, ed il rispetto per gli altri ospiti? Come unire allora le due patologie dove da una parte ci sono persone sotto psicofarmaco e dall’altra patologie di dipendenza?

Rimaniamo basiti dalla proposta. Ovviamente inaccettabile. Il diritto ad un tetto e’ un qualcosa che va oltre anche le stesse debolezze dell’uomo, ed a questa amministrazione era stata richiesta unicamente la possibilità di un parcheggio camper, non di un alloggio popolare o altro. La Coldiretti dichiara in 50.000 in Italia senza tetto con l’emergenza freddo…e fiumicino baratta un tetto con condizione… L’umanita si e’ estinta.

Emanuela Isopo

Diritto alla Casa Fiumicino