5 dicembre 2016

Caso Litvinenko; Sen. Paolo Guzzanti: “Berlusconi mi disse che non credeva al coinvolgimento di Putin perché è un uomo dolcissimo”

Il Sen. di Forza Italia Paolo Guzzanti, giornalista e saggista italiano, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano, in merito al caso Litvinenko.

Litvinenko –ha affermato Guzzanti- era un mio importante informatore che, attraverso Mario Scaramella, mi dava informazioni sul fatto che la Russia sembrava furiosa per il lavoro che stava svolgendo in Italia la Commissione Mitrokhin, che io presiedevo. Piano piano iniziarono ad essere assassinati Litvinenko, il suo sponsor a Londra Berezovsky e anche l’ex deputato italiano Enzo Fragalà che era stato un grande promotore di questa inchiesta. Noi quindi ci siamo trovati in mezzo ad una strage. Ho trovato molto bello che il Regno Unito non abbia mollato su questa vicenda e abbia voluto vederci chiaro. Il vero processo non si può fare perché la Russia non concederà mai l’estradizione dei due supposti killer, tantomeno del capo dei servizi segreti”. 

Secondo Guzzanti quella legata a Litvinenko “non è una storia di spie e spioni, è una storia politica, drammatica. Ci si potrebbe fare un film, io sarei disponibile a mettere le mie conoscenze a disposizione per i cineasti che vorranno realizzarlo. Chiediamo ufficialmente a Medusa se vuole realizzarlo”.

“Ai tempi –ha raccontato Guzzanti- Berlusconi mi disse in maniera informale: ‘io sento queste cose su Putin, ma non ci credo perché lo conosco ed è una persona dolcissima. Sarebbe come se qualcuno mi dicesse che tu Paolo hai fatto uccidere qualcuno, non potrei mai crederci’”.

Fonte: Radio Cusano Campus