4 dicembre 2016

Rocca di Papa – Il Demanio trasferisce il centro equestre al Comune

 

Nella giornata di oggi ha trovato finalmente concretezza l’impegno profuso dal sindaco di Rocca di Papa, Pasquale Boccia, per salvare il centro equestre federale dei Pratoni del Vivaro, chiuso da luglio 2013. Presso la sede del Demanio di piazza Barberini, il direttore, onorevole Roberto Reggi, e il primo cittadino hanno firmato, in un clima di entusiasmi e soddisfazioni, l’accordo di programma che trasferisce all’Ente locale la custodia del bene di fama internazionale e sito delle Olimpiadi del 1960. “Sono emozionato per quanto siamo riusciti a fare e per quello che ci aspetta – dichiara  il sindaco Boccia -. Tutto il mondo dell’equitazione, rimasto orfano di una struttura tanto cara e prestigiosa, ci guarda, così come i nostri concittadini verso cui abbiamo preso un doveroso impegno a non lasciare nel degrado il centro equestre. Da oggi comincia per noi e per tutti una fantastica e impegnativa avventura”.
Il Demanio, in base all’accordo raggiunto e firmato nel pomeriggio di oggi, ha concesso in custodia gratuita il bene al Comune di Rocca di Papa per un anno, prorogabile, periodo nel quale il Comune, di concerto con gli attori della Fondazione “Conte Ranieri di Campello”,  presenterà il progetto di riqualificazione e valorizzazione, al fine di ottenerne la piena proprietà.
L’onorevole Reggi ha consegnato le chiavi del compendio direttamente nelle mani del primo cittadino. All’incontro, che ha sancito finalmente la svolta tanto attesa, hanno preso parte anche il sindaco di Ariccia, Emilio Cianfanelli, il direttore del Demanio regionale, Pier Giorgio Allegroni, e l’ Amministratore delegato di Coni Servizi, Giancarlo Miglietta.
“Ora passiamo subito all’operatività – aggiunge Boccia -, per dare subito un segnale di rinascita del nostro Centro equestre”.
Dopo la firma dell’accordo la delegazione ha incontrato il presidente della Fise, Vittorio Orlandi, che sarà un punto di riferimento importante per il nuovo corso gestionale, insieme al Coni, in vista delle prossime competizioni equestri in programma e soprattutto della candidatura della città di Roma alle Olimpiadi 2020.