10 dicembre 2016

Frosinone – “Frosinone Open Data” presentato questa mattina in aula consiliare

E’ stato presentato questa mattina, presso la sala consiliare del Comune di Frosinone, il progetto, elaborato dall’amministrazione Ottaviani, “Frosinone Open Data”, alla presenza dell’assessore Rossella Testa (politiche per la trasparenza e la semplificazione), del segretario generale, dott. Angelo Scimè,  dell’ing. Sandro Ricci, responsabile del Ced, di funzionari e dipendenti dell’amministrazione comunale. Il progetto permetterà la pubblicazione del patrimonio di informazioni sul territorio, per offrirle anche al mercato dell’immobiliare, del turismo e dell’imprenditoria e creare nuove opportunità di occupazione. L’idea è stata quella di implementare un nuovo sistema per la gestione e l’aggregazione di dati, sfruttando una piattaforma integrata che possa permettere alla comunità di erogare le proprie informazioni sfruttando logiche multi-canale, al fine di metterle a disposizione per tutto il pubblico interessato a fruirne. La piattaforma, che rispetta i canoni imposti dalle leggi italiane sull’usabilità e l’accessibilità, permetterà la ricerca e la condivisione di tutti i dati a disposizione della comunità, ad esempio:

  • dati inerenti l’urbanistica (aree archeologiche, boschi, fasce di rispetto, cartografie varie, ecc.);
  • dati culturali (strutture, itinerari storici);
  • dati inerenti le attività commerciali;
  • dati inerenti la pubblica istruzione (scuole dell’infanzia, asili, scuole elementari, scuole medie);
  • dati inerenti i trasporti (linee del trasporto pubblico).

Saranno inoltre inseriti i dataset georeferenziati con la possibilità di utilizzare una serie di strumenti web per la ricerca, la visualizzazione in dettaglio e la misurazione per area dei dati caricati. Per ciascun settore sarà presente una categoria selezionabile che contiene i vari dataset forniti dagli uffici comunali. Quando si seleziona un dato sulla mappa, attraverso gli strumenti web descritti in precedenza, esso potrà essere visualizzato in dettaglio. I dati sono pubblicati in formato Open Data, sottoposti a licenza Creative Commons – CC BY SA con il quale si è liberi di:

  • Condividere— riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato;
  • Modificare— remixare, trasformare il materiale e basarsi su di esso per qualsiasi fine, anche commerciale.

Il licenziante non potrà revocare questi diritti fino a quando saranno rispettati i termini della licenza. E’ stata inoltre realizzata una specifica “APP”, sia per smartphone Android che per IOS, con medesime funzionalità onde poter fruire del servizio implementato anche in mobilità. Tra le numerose funzionalità previste nel progetto sarà disponibile una sessione “Chat – Skype”, di supporto agli utenti ed agli eventuali sviluppatori. La realizzazione del progetto “FROSINONE OPEN  DATA”  è stata possibile con la partecipazione del Comune di Frosinone all’avviso pubblicato sul BURL n. 25 del 25/10/2012, Deliberazione 11 settembre 2012, n. 440 nell’ambito del POR FESR Lazio 2007-2013 ASSE I – Attività I.7 – Sviluppo di applicazioni, prodotti, processi, contenuti e servizi ICT. Attività I.7. Il progetto è stato interamente finanziato dalla Regione Lazio tramite l’Ente attuatore, inizialmente Filas Spa oggi Lazio Innova Spa.

“L’amministrazione Ottaviani ha sempre basato la propria attività sulla trasparenza e sulla semplificazione; – ha dichiarato l’assessore Rossella Testa – dal punto di vista informatico, poi, questi sono elementi che ci pongono all’avanguardia a livello nazionale, visto che, purtroppo, ancora pochi enti locali si sono adeguati alle norme in vigore. Con il sistema Open data, inoltre, potremo dare impulso all’economia del territorio, attraverso un più rapido accesso alle informazioni, e semplificare notevolmente la vita dei cittadini”.

“Grazie ad un attento lavoro di squadra – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani – siamo riusciti a raggiungere un grande obiettivo, che è quello di dar vita ad una piattaforma integrata in grado di permettere l’accesso e l’utilizzo, da parte dei cittadini – utenti, di una notevole quantità di informazioni, con risparmio di tempo e lavoro. In questo modo, inoltre, anche gli attori economici del territorio otterranno notevoli benefici, dal momento che la trasparenza e la semplificazione sono elementi determinanti per il successo dell’attività d’impresa”.

About Samantha Lombardi 4034 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it