5 dicembre 2016

Civitavecchia – Manuedda: “Le centraline andranno alla Regione o Arpa, inutilizzabili ai fini di legge i dati del Consorzio”

Si rendono necessarie alcune precisazioni a causa della capillare opera di disinformazione in atto sulle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria finora gestite dal Consorzio.

Secondo la normativa vigente, il monitoraggio della qualità dell’aria è di competenza delle Regioni o, su delega, delle agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, nel nostro caso ARPA Lazio. La rete regionale di qualità dell’aria, unico strumento di riferimento a norma di legge, prevede finora per il nostro territorio sei centraline, delle quali cinque a Civitavecchia e una ad Allumiere, tutte regolarmente in funzione e i cui dati sono disponibili quotidianamente sul sito internet di ARPA.

Le undici centraline che il Consorzio dovrà restituire al Comune di Civitavecchia non sono mai state inserite nella rete regionale e, pertanto, in questi anni hanno registrato e avrebbero continuato a registrare, qualora fossero rimaste nella disponibilità del Consorzio, dati inutilizzabili ai fini di legge.

Di più, essendo previste dal decreto VIA relativo alla riconversione a carbone di Torrevaldaliga Nord, la stessa permanenza di quelle undici centraline avrebbe dovuto essere espressamente autorizzata, su parere della Regione circa la loro utilità per la rete regionale, dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del rinnovo dell’AIA avvenuto nel 2013 e non risulta che tale valutazione sia stata effettuata.

Per questo abbiamo deciso di trasferire tutte le centraline alla Regione o ad Arpa.

Il monitoraggio della qualità dell’aria, pertanto, è attualmente conforme alla normativa e la continua disinformazione circa il progressivo spegnimento delle centraline del Consorzio è un inutile stillicidio che ha come unica conseguenza quella di alimentare altrettanto inutili polemiche. Si stanno semplicemente spegnendo centraline non utilizzabili ai fini del controllo della qualità dell’aria.

Ho sollecitato l’ufficio ambiente a concludere rapidamente la procedura di reintegra nel possesso del Comune delle undici centraline, dando seguito al primo incontro, già rinviato per precedenti impegni del presidente del Comitato di Gestione del Consorzio, avvenuto lunedì scorso. Auspico che la sostituzione dell’Assessore Regionale all’Ambiente Fabio Refrigeri, con il quale avevamo avuto diversi incontri su questo tema e che avremmo dovuto incontrare la prossima settimana, non rallenti il trasferimento delle centraline ex Enel ed ex Consorzio all’autorità competente in materia di qualità dell’aria.”

Alessandro Manuedda
Assessore all’Ambiente

About Ruggero Terlizzi 2869 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it