10 dicembre 2016

Sarri offende Mancini ed il mondo del calcio scopre il razzismo!

Il Napoli esce dalla Coppa Italia, l’Inter espugna il S.Paolo dopo lungo digiuno datato 1997  qualificandosi per la semifinale ma la vera  notizia, quella  che tiene banco e fa velocemente  il giro del mondo, è la lite tra Sarri e Mancini, anzi, le offese di stampo razzista pronunciate dal tecnico del Napoli nei confronti del collega nerazzurro. Ripercorriamo velocemente i fatti: siamo al termine della gara di gioco  e, come da prassi, il quarto uomo indica i minuti di recupero ma , come sempre accade, se per chi sta vincendo i minuti risultano eccessivi contemporaneamente  sono troppo pochi per chi ha bisogno di recuperare il risultato; anche ieri sera , all’accensione della lavagnetta luminosa,  si è verificato il solito siparietto con Mancini accanto all’arbitro a protestare per l’eccessivo recupero e Sarri a chiedere  esattamente il contrario  solo che, diversamente (forse?) dalle altre volte, il buon tecnico del Napoli , da “toscanaccio” qual’è, ha condito le proteste con termini  poco eleganti provocando la reazione prima indignata e poi violenta del “dandy” nerazzurro che viene bloccato  fisicamente dall’ufficiale di gara e quindi espulso dal campo.

Ci penserà Mancini, a fine  gara,  svelando nei dettagli al giornalista intervistatore e quindi ai milioni di telespettatori ,  i motivi per cui aveva avuto una reazione così violenta; in pratica  il tecnico del Napoli aveva usato  nei suoi confronti  termini  di forte contenuto  razzista e di stampo “omofobo “!  Ma il bello doveva  ancora venire  perchè  l’allenatore di Jesi, concludendo l’intervista, con un attacco frontale elegante nei toni ma di forte impatto mediatico, metteva in pratica,  nei confronti di Sarri, una vera e propria gogna mediatica : “Mi ha dato del……..  è un razzista, si dovrebbe vergognare”. Il tecnico nerazzurro ,  sfogandosi come un fanciullo davanti ai microfoni di mamma Rai , proseguiva così: ” A 60 anni non ci si può comportare così, mi ha chiesto scusa ma dovrebbe vergognarsi, gente come lui non può stare nel calcio”. Ok Mister Mancini , Lei  ha ragione da vendere, la volgarità, la violenza di ogni tipo, anche verbale, non trova e non troverà mai una giustificazione ma, Vede, c’è qualcosa, nel Suo moralismo, che odora di eccessivo e, quindi, di falso :  probabilmente sarebbe stato più credibile se  avesse denunciato queste cose in passato  con la stessa veemenza e provato la medesima indignazione per le frasi volgari e le offese pronunciate dai suoi calciatori agli avversari di turno  oppure avesse deprecato le offese di stampo razzista (Vesuvio lavali col fuoco!) indirizzate nei confronti del popolo napoletano  puntualmente cantate anche ieri sera dai  supporters nerazzurri ma , si sa, quando si tratta  di offendere Napoli ed il suo popolo sembra tutto lecito, giustificabile, non fa testo !

La stessa considerazione valga per tutti i giornalisti che hanno cavalcato immediatamente la notizia  facendo  a gara nel crocifiggere un mortificato Sarri colpevole, senza appello, di aver profanato il dorato e puro  mondo del calcio nonostante avesse, prontamente, chiesto scusa. E’ per questo che questa denuncia di Mancini sa di strumentale ed  il suo ruolo di moralizzatore intempestivo , sarà  forse  perchè la sconfitta di campionato ed il titolo di campione d’inverno, scippato al fotofinish, è stata  per il buon “Mancio”una pillola difficile da ingoiare  e probabilmente, dulcis in fundo, il Napoli comincia a far paura?