Roma – Ricordato il carabiniere Otello Stefanini, vittima dell’eccidio del pilastro a Bologna nel 91

Questa mattina, è stato ricordato a Roma il Carabiniere, Medaglia d’Oro al Valore Civile alla memoria, Otello Stefanini, ucciso nell’eccidio del Pilastro, avvenuto a Bologna il 4 gennaio del 1991.

La cerimonia di commemorazione è cominciata con la deposizione di una corona da parte del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma, Generale di Brigata Salvatore Luongo, in viale Furio Camillo con resa degli onori militari, presso l’abitazione della famiglia del Carabiniere caduto.

A seguire, alla presenza del Generale di Corpo D’Armata Vincenzo Giuliani, Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri e Comandante del Comando Interregionale Podgora è stata celebrata una Messa, officiata dal cappellano militare Don Salvatore Lazazzera . E’ seguita una deposizione floreale sotto la targa commemorativa del caduto.

L’intera commemorazione è stata sottolineata dalla presenza dei familiari del decorato e di numerosi cittadini del quartiere.

STEFANINI OTELLO

Carabiniere M.O.V.C. alla “memoria”, nato a Roma il 14 settembre 1968 – deceduto il 4 gennaio 1991.

Alla sua memoria è intitolata, dal 22 giugno 2005, la Caserma sede del Comando Stazione Carabinieri di Bazzano (BO).

Fu insignito della Medaglia d’Oro al Valor Civile con la seguente motivazione: “Capo Pattuglia in servizio notturno di vigilanza insieme ad altri due pari grado, veniva proditoriamente fatto segno ad improvvisa azione di fuoco da parte di tre malviventi e, nonostante le ferite mortali, tentava di reagire con l’arma in dotazione prima di accasciarsi esanime sul volante del mezzo militare. Nobile esempio di altissimo senso del dovere e non comune ardimento portati fino all’estremo sacrificio. Bologna, 4 gennaio 1991.

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10592 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.