4 dicembre 2016

Pallavolo – Polisportiva Borghesiana volley, festa completa per quasi tutte le selezioni capitoline

Un week-end da incorniciare per il settore volley della Polisportiva Borghesiana. Le squadre capitoline, infatti, hanno sfiorato un en plein di vittorie che sarebbe stato davvero notevole e la responsabile del settore volley Giuliana Montaldi non può che esserne orgogliosa. «Partendo dai gruppi più giovani, l’Under 13 e l’Under 14 femminili allenate da Daniele Sarnataro hanno ottenuto convincenti successi rispettivamente contro Torre Spaccata e Ciampino. Molto bene anche l’Under 18 rosa di coach Camilla Chiodi che ha sconfitto con un perentorio 3-0 lo Zagarolo e che ha confermato il proprio momento positivo. Per completare l’ottimo andamento delle squadre femminili è arrivata la vittoria della Prima divisione (denominata Montello Borghesiana, ndr) allenata da Marco Aquili che ha sofferto, ma ha tirato fuori il carattere nel momento più difficile imponendosi al tie-break sull’Avogadro Parioli». Non meno positive le risultanze dai due gruppi maschili. «L’Under 17 di Erica Proietti ha provato a battagliare, ma in questo caso l’avversario si è dimostrato più forte e d’altronde la scuola della Volleyro è di alto livello, dunque complimenti a loro. Molto convincente la prestazione della Seconda divisione di Peppe Scipioni che ha sconfitto con un rotondo 3-0 il Nettuno». La Montaldi, poi, approfondisce il discorso sulle due squadre maggiori. «Stanno facendo una buona figura nei rispettivi campionati – dice la responsabile del settore volley – I ragazzi sono un mix tra atleti più esperti e ragazzi che provengono dal nostro vivaio e che stanno sicuramente adattandosi al campionato maggiore. Siamo contente anche di quanto stanno facendo le ragazze con le quali ci auguriamo di approdare in una serie regionale entro due anni e lanciando il più possibile le ragazze del nostro settore giovanile. In questo senso – conclude la Montaldi – le recenti convocazioni in prima squadra delle centrali Celine Di Gangi e Camilla Pierotti e del libero Alessia Miglietta sono abbastanza indicative di quella che è la linea che vogliamo seguire».