7 dicembre 2016

Roma – Civati, Possibile: “Sindaco di Roma? Potremmo appoggiare Marino”

Giuseppe Civati, Fondatore del movimento Possibile, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo la sua proposta di ridurre l’Iva sugli assorbenti dal 22 al 4%. “E’ una proposta giustissima e sacrosanta –ha affermato Civati-, solo il nostro provincialismo non ci fa vedere quello che sta succedendo in Francia dove la tassa sugli assorbenti è già stata abbassata. Non capisco perché questo argomento faccia tanto ridere, forse in Italia qualcuno è un po’ ossessionato dall’argomento. Anche il presidente Usa Barack Obama, interpellato sulla vicenda, si è detto d’accordo sul fatto che la tassa sugli assorbenti è troppo alta ed, essendo un prodotto necessario per le donne, dovrebbe essere abbassata. La Littizzetto in tv ha detto che dovrei occuparmi di cose un po’ più serie come la differenza salariale tra uomo e donna, ha detto una stupidaggine. Mi dispiace che una donna faccia ironia su questo argomento dicendo cose inesatte. Io sono l’unico politico maschio che ha presentato una proposta di legge per far pubblicare tutti i redditi e verificare che non ci sia disparità di trattamento tra un dipendente uomo e donna, a parità di mansione. Ci sta la presa in giro, ci sta un po’ meno dire le cose sbagliate. La Littizzetto in questo caso ha preso una cantonata. In buona fede lei ha costruito uno sketch colpendo una mia proposta legittima e giustificandosi con argomentazioni infondate che gettano un’ombra su quello che stiamo facendo noi di Possibile, che non sono cose banali. Su questi temi pullulano gli spiritosi perché è un paese maschilista, abituato all’umorismo da caserma, quindi non mi stupisce”.

Sul ddl unioni civili. “Per una volta spero che a Renzi gli vada bene –ha affermato Civati-. Nonostante sia una legge per certi versi ancora discriminatoria, spero il testo passi nella sua versione più alta. Perché senza stepchild adoption sarebbe una legge che farebbe ridere. Mi auguro che Zanda con la sua strana capigliatura e le sue strane sopracciglia abbia un timore infondato e che i franchi tiratori siano meno di quelli di Prodi”.

Sullo scontro governo italiano-Ue. “Io difendo sempre il nostro Paese e l’Ue, anche se quest’ultima è indifendibile –ha spiegato Civati-. Devo dire che ci vorrebbe una strategia un po’ meno alterna. Quando il problema ce l’aveva Tsipras, Renzi non ha mosso neanche un dito, anzi sembrava filo tedesco. Temo quel parallelismo che qualcuno ha paventato tra l’ultimo Berlusconi e il Renzi un po’ pasticcione delle ultime settimane. Io spero che non ci sia più un 2011 per questo Paese, ma ci vorrebbe una strategia seria. La Mogherini non può fare nulla, rappresenta l’Ue ed è oggettivamente in difficoltà nel momento in cui il premier che ha suggerito la sua nomina si trova a prendersi a pallonate con il presidente della commissione di cui fa parte. Non è una rissa, deve essere un discorso politico”.

Sulle elezioni amministrative a Milano e Roma. “Stiamo costruendo dei percorsi civici molto partecipati soprattutto a Roma –ha affermato Civati-. Fra 15 giorni faremo dei nomi. Adesso stiamo lavorando, cercando di far partecipare i cittadini. Fassina? Non abbiamo ancora discusso di nomi. A Roma c’è uno spettro che si chiama Ignazio Marino che potrebbe rientrare in partita, non so se lo vorrà fare, se tornerà noi  potremmo appoggiarlo. Forse sono io che sono strano ma io ho visto un sindaco prima commissariato e poi fatto fuori da un notaio e non mi sembra una cosa usuale”.

Fonte: Radio Cusano Campus