10 dicembre 2016

Liberamente tratto da Sei una bestia Viskovitz! di Alessandro Boff

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Baracca dei Buffoni, riconosciuta dal MIBACT come compagnia d’interesse nazionale per il settore teatro di strada, presenta il suo nuovo spettacolo Come una bestia! liberamente tratto da Sei una bestia Viskovitz! di Alessandro Boffa, con Antonio Perna per la regia di Orazio De Rosa. Il monologo debutterà il 22 gennaio al Teatro Civico 14 di Caserta per la rassegna Sciapò e sarà di nuovo in scena nel Teatro A’ Casarella di Arzano sabato 23 gennaio (ore 21) e domenica 24 gennaio (ore 19).

Sinossi
Uno scarafaggio arrampicatore sociale, uno scorpione killer, una spugna che vuole smettere di bere, un pappagallo che parla d’amore… Viskovitz è ognuna di queste bestie e molte altre ancora, alle prese con le loro bizzarrie, nevrosi, vanità. Ma è la condizione umana, in tutta la sua dignità e scostumatezza, a essere rappresentata attraverso queste esilaranti metamorfosi.
Sei una bestia, Viskovitz (Titolo provvisorio) è un tour de force di comicità e intelligenza, dove il gergo scientifico diventa invenzione linguistica, la battuta aforisma. Attacchi folgoranti danno vita a intrecci pieni di sorprese, che spaziano dalla gag comica al western, dall’assurdo al blues. Sono favole ironiche che illuminano un mondo in cui si fatica a essere animali e si finisce per diventare bestie.

Note di regia
L’idea di questo spettacolo nasce dall’esigenza e dalla necessità di trattare dei temi cosi attuali in modo assurdo, esilarante, cattivo, così come le tratterebbe un clown;
Quattro favole che hanno come protagonista quattro animali: uno scarafaggio, uno scorpione, una spugna e un pappagallo, tutte collegate tra di loro attraverso problemi e situazioni analoghe a quelle che vive l’essere umano ogni giorno, in qualche parte del mondo.
Il verbo essere ripetuto dall’attore durante i cambi di scena sottolinea il legame dei personaggi dello spettacolo con le persone che popolano quotidianamente le nostre vite: “Io sono, tu sei, noi siamo…Visko”.
Uno spettacolo che parte dal teatro comico passa per quello di prosa e arriva al teatro di figura.
Le favole sono raccontate in un impianto scenografico semplice: una scatola, che prima viene aperta e che funge da pannelli attrezzati e fondali che cambiano a seconda del mondo animale che narra la storia; scatola che poi viene chiusa, e che rappresenta, attraverso una girandola, un mondo che quotidianamente gira e vede animali ed essere umani lottare per la conquista di una vita dignitosa, ricca di benessere, amore ed armonia.
La regia impostata su un livello fantastico, i quattro personaggi, parlano della nostra umanità in maniera divertente, poetica e cattiva, indagando sul bisogno primordiale dell’uomo di affrontare con coraggio, qualsiasi disagio pur di trovare la felicità, cercando l’amore o rinunciandoci completamente.
Orazio De Rosa

Come una bestia!
– venerdì 22 gennaio ore 21 Teatro Civico 14 di Caserta – rassegna Sciapò
– sabato 23 gennaio ore 21 e domenica 24 gennaio ore 19 Teatro A’ Casarella di Arzano (NA) – via Alfredo Pecchia n. 34

Per info e prenotazioni:
info@baraccadeibuffoni.com – 347 8020 739 – 333 548 6708

L’associazione Baracca dei Buffoni riconosciuta dal MIBACT come compagnia d’interesse nazionale per il settore teatro di strada, nasce da una costola di un gruppo di teatro, musica e danza con l’obiettivo di promuovere e diffondere le arti in luoghi non convenzionali.
Fin dal suo primo anno di attività partecipa ad eventi di rilievo internazionale in qualità di artisti e/o organizzatori. Praticando l’autoproduzione crea spettacoli che caratterizzano i teatri, le piazze, le strade, i festival e ogni luogo possibile e impossibile per la loro poesia e la loro presenza colorata. Un teatro che ha come tetto il cielo, personaggi unici e surreali, la poetica dell’artificio e della finzione. Alla sua attività artistica affianca azioni di promozione in ambito culturale e sociale, attraverso percorsi di formazione artistica svolti presso enti privati quali associazioni o cooperative sociali e rivolte soprattutto ai minori e in particolare ai minori a rischio.

Nel 2015 Orazio De Rosa ha festeggiato 20 anni di carriera. Un percorso lungo e articolato che nasce da una grande passione per le arti performative, si forma dapprima come attore presso il “Centro di Ricerca sull’Attore Sperimentazione Culturale” e si sviluppa a tutto tondo con il confronto con moltissime realtà del panorama culturale campano. In seguito ad uno stage viene a contatto con un gruppo di artisti di strada “Carovana d’arte antica e persa” a cui si unisce per una tournè mettendo in scena il Don Chisciotte. I personaggi unici e surreali interpretati dal gruppo e le abilità circensi ad essi legati,gli fanno scoprire la giostra delle meraviglie che da sempre cercava.
Trova nella figura del clown il suo personaggio ideale e tornato a Napoli si dedica con impegno e passione al teatro di strada continuando a formarsi in tale direzione con maestri del settore quali: Lucio Colle, Costantino Pucci, Leris Colombaioni, Natalie Mentha, Alfio Antico, Familie Floz.
Alla sua attività artistica affianca azioni di promozione in ambito culturale e sociale, attraverso percorsi di formazione artistica svolti presso enti privati quali associazioni o cooperative sociali e rivolte soprattutto ai minori e in particolare ai minori a rischio. A 10 anni dalla nomina di direttore artistico della compagnia “Baracca dei Buffoni” vanta grandissimi risultati in termini di gestione organizzativa e risultati artistici attivando nuove e proficue collaborazioni con enti pubblici e privati ed elaborando nuove strategie che lo portano a sviluppare il potenziale della compagnia in diverse attività che ne rafforzano la capacità imprenditoriale.
Praticando l’autoproduzione crea spettacoli che caratterizzano i teatri, le piazze, le strade, i festival e ogni luogo possibile e impossibile per la loro poesia e la loro presenza colorata.
Attualmente gli spettacoli prodotti dalla compagnia sono presenti in numerosi cartelloni sia in Italia che all’estero, fitta negli anni è stata la collaborazione con alcune importanti realtà in Canada, Cipro, Svizzera,Romania e Albania; le collaborazioni con personaggi del calibro di Renzo Piano, Vinicio Capossela, i fratelli Vanzina e Ermanno Olmi. Cura inoltre la direzione artistica di numerosi eventi di teatro di strada, raggiungendo notevoli traguardi. Nel Dicembre 2012 la compagnia riceve udienza da Papa Benedetto XVI per “lo spettacolo viaggiante” con lo spettacolo TraNuvole ; nel Luglio 2013 la baracca dei buffoni partecipa al Giffoni film festival; nell’ Agosto 2013 viene ospitata al Festival del Cinema di Locarno in Svizzera; nel Novembre 2013 La corte della formica assegna alla compagnia il premio speciale per i costumi presso il teatro Bellini Napoli; Nel 2014 si classifica al terzo posto al concorso “Cantieri di Strada” indetto dalla Federazione Nazionale Artisti di Strada.(vedi curriculum della compagnia allegato).
La piena maturità artistica ed organizzativa di Orazio De Rosa viene confermata dallo straordinario successo della direzione artistica del Festival Internazionale del teatro di strada “Artisti in Chiazza” in Arzano (Na), giunto alla sua quinta edizione, e del progetto “Di strada in strada” tenutosi all’interno del progetto internazionale “Forum delle culture 2013 Napoli”. Quello che ha maggiormente colpito il pubblico, le personalità artistiche e i giornalisti, in entrambi i progetti, è stata, oltre all’originalità degli spettacoli in sè, l’operazione nella sua interezza, a partire dall’ideazione, fino alla progettazione ed all’organizzazione curata fin nei minimi dettagli, riconoscendo il ruolo fondamentale della direzione nel suo complesso che ha saputo coordinare i temi, le ambientazioni e le personalità artistiche.
Nel 2009 raggiunge un traguardo artistico-personale, che ancora porta avanti, curando la direzione artistica dello spazio libero “ ’A Casarella” ad Arzano(Na) promuovendo, oltre alla stagione teatrale, laboratori e corsi di formazione artistica, in un territorio famoso alle cronache per eventi tutt’altro che artistici.

Diplomatosi nel 2010 presso l’Accademia D’Arte Drammatica Teatro Bellini di Napoli diretta da Alvaro Piccardi, Antonio Perna è attore e clown e attualmente fa parte della compagnia Baracca dei Buffoni. Lavora come attore dal 2009 ai seguenti spettacoli teatrali: Valentin Express da TingelTangel di K.Valentin – regia Daniele Marino – Ischia Teatro Festival – 2009 (Na, Ita); Raccontando Rodari teatro per l’infazia – regia Pino L’Abbate – prod. Teatro Bellini – 2009- (Na, Ita); Molto Rumore per Nulla adattamento e regia Pino L’Abbate – prod. Teatro Bellini 2009 (Na, Ita); L’Attesa progetto teatro itinerante all’interno del NTF 2010 – regia Daniele Russo (Na, Ita); La Classe Libera da “Entre les murs” di Laurent Cantet,regia di Gabriele Russo – produzione Teatro Bellini 2010 (Na, Ita); I Menecmi – Due gemelli napoletani di T.M. Plauto – Produzione T.T.R. – 2010 (Na, Ita); David Bowie’s eyes di Kuno R. Harsbo – regia Malene Bergtrup – Prod. Absolutely Rookies-2012 (Cph, Dk); Migrastorie di Orazio De Rosa – regia di Orazio De Rosa – produzione Baracca dei Buffoni – 2012 – (Na, Ita); L’udienza di Vaklav Havel – adattamento e regia di Antimo Casertano – Prod. Muricena Teatro- 2012 (Na, Ita); TraNuvole di Orazio De Rosa – Produzione Baracca dei Buffoni- 2014 (Na, Ita); Fleur di Orazio De Rosa – Produzione Baracca dei Buffoni – 2015 (Na, Ita).

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.