10 dicembre 2016

Toshiba e l’evoluzione tecnologica che cambierà l’universo lavorativo.

 

Nel 2016, la mobilità continuerà a essere un’area di crescita importante in tutti i settori business, determinando di conseguenza l’evoluzione dell’universo lavorativo così come delle abitudini dei dipendenti. Al contempo questo nuovo modo di lavorare in modalità mobile porterà le aziende a essere ancora più attente a tutti gli aspetti legati alla sicurezza così come a implementare nuove soluzioni hardware, software e digitali per rispondere alle crescenti esigenze di flessibilità dei propri dipendenti e ottimizzare l’efficienza.

“Oggi le aziende hanno bisogno di dispositivi in grado di garantire la potenza e la sicurezza necessarie per permettere ai dipendenti di massimizzare la produttività sia all’interno che all’esterno dell’ufficio”, ha dichiarato Massimo Arioli, Head of Sales & Marketing B2B, Toshiba Digital Products & Services, Italy. “L’accesso ai dati, ovunque ci si trovi e da qualsiasi dispositivo, è da tempo al centro del dibattito ma nel 2016 diventerà ancora importante l’aspetto della sicurezza, che permetterà alle aziende di costruire una strategia IT efficiente. Il mondo professionale subirà l’influenza della Generazione Z, cresciuta utilizzando le applicazioni sui propri smartphone e che di conseguenza si aspetta la stessa semplicità d’uso anche in ambito lavorativo, essendo abituata a utilizzare tutti i dispositivi, dai PC desktop agli smartwatch”. 

Mettere al primo posto la sicurezza aziendale integrata

La sicurezza è fondamentale per le aziende quando si tratta di realizzare una strategia IT efficiente e di successo. Oggi i lavoratori si stanno abituando a hardware sempre più mobile e possono lavorare in movimento grazie a numerose applicazioni.

Dal momento che molti dati sono accessibili in modalità cloud, la preoccupazione per la sicurezza dei data center è al primo posto e le aziende si stanno impegnando per garantirne la sicurezza grazie ad accordi con vendor affidabili. Tuttavia mentre molte aziende si stanno focalizzando sul cloud, altre hanno trascurato il ruolo che i propri notebook e tablet giocano nell’ambito della sicurezza dei dati. Per proteggere i dati, Toshiba ha progettato i propri laptop business, come ad esempio i Satellite Pro A50-C, mettendo al primo posto la sicurezza e integrando soluzioni specifiche capaci di proteggere il PC anche quando viene dimenticato in treno o, peggio ancora, rubato. Inoltre, per soddisfare le esigenze di mobile working, Toshiba offre sulla propria line-up business il Toshiba Cloud Client Manager Mobile (TCCM), che permette di gestire i dispositivi e le applicazioni attraverso sistemi operativi in host, dando alle aziende la tranquillità che i propri dipendenti possano utilizzare la tecnologia cloud mentre lavorano in movimento.

Il focus per molti vendor nel 2016 sarà quello di continuare a sviluppare strumenti come questo che consentono alle aziende di essere più efficienti e sicure.

Aumenta la richiesta di app aziendali

Dal momento che il lavoro mobile e la flessibilità sono due tendenze sempre più diffuse, la domanda di applicazioni aziendali sta iniziando a superare l’offerta. Secondo Gartner, infatti, dalla fine del 2017, la richiesta del mercato per i servizi di sviluppo di mobile app è destinata a crescere almeno cinque volte più velocemente rispetto alla capacità IT di consegnarle. Le applicazioni aumentano la semplicità d’uso e l’efficienza nel mondo business, che la maggior parte non è in grado di ottenere.

Crediamo che gli sviluppatori debbano creare app che siano più smart, consapevoli e sicure. Proprio come i siti mobile, se un’applicazione è aperta all’interno di un determinato ambiente deve cambiare in modo che la propria UI, velocità di risposta e di caricamento siano ottimizzate per le dimensioni dello schermo e per la tipologia di dispositivo. Si tratta di un’area fortemente influenzata dalla Generazione Z, cresciuta utilizzando le applicazioni sui propri smartphone e di conseguenza si aspetta la stessa semplicità d’uso nel mondo business. Inoltre, l’amplificazione del mercato wearable porterà a una maggiore dipendenza dalle app aziendali, in modo che i dipendenti possano iniziare a usare i dispositivi come smartwatch in modo più professionale. Supportare l’integrazione dei nuovi dispositivi in ambito lavorativo, sia dal punto di vista hardware che delle applicazioni, è per noi un obiettivo importante dal momento che la rivoluzione dei dispositivi indossabili sta prendendo sempre più piede.

Wearables & VR non solo per il business

L’influenza della Generazione Z sulle abitudini lavorative e di conseguenza sulla tecnologia business continuerà a crescere e detterà le tendenze lavorative in ambito mobile. In un primo momento, i dispositivi wearable possono essere utilizzati per dare un’occhiata discreta alle email durante i meeting, ma hanno un grande potenziale e in futuro potranno essere utilizzati in modi più innovativi. Ad esempio, gli smartglass possono trasmettere informazioni fondamentali ai dipendenti attraverso le lenti, permettendo così di avere le mani libere mentre si svolgono altre attività.

Oltre all’ambiente business, anche quello della salute guiderà nel 2016 la crescita dei dispositivi wearable attraverso l’invio di informazioni: i medici potranno monitorare lo stato di salute dei pazienti in tempo reale, senza che debbano recare allo studio medico o in ospedale.

Un altro trend emergente è rappresentato dalla Realtà Virtuale (VR). Le applicazioni business per VR, anche se ancora in una fase iniziale, sono da tenere d’occhio. La sua forza come strumento educativo offre vantaggi in alcuni settori, come quello sanitario, dove può giocare un ruolo fondamentale nel training, ma in futuro potrà avere anche un ruolo all’interno del più tradizionale settore business. Per esempio, le riunioni in uffici potranno essere sostituiti da meeting virtuali. Inoltre, c’è un ampio potenziale per la VR all’interno dei settori del design e dell’ingegneria, come nella ricerca e sviluppo del settore automotive.