4 dicembre 2016

Scuole e antisismica, i geologi: “Poche a norma e la qualità è scarsa”

In Toscana sono ancora troppo pochi gli edifici a norma antisismica. “Ancora oggi, nella nostra regione, il numero di edifici strategici come scuole, municipi, caserme, ospedali, messi in sicurezza è esiguo. A fronte di un totale di diverse migliaia, solo su 1.500 sono stati effettuati gli studi geologico sismici e di questi solo 500 sono stati messi effettivamente in sicurezza“. E’ quanto denuncia Maria Teresa Fagioli, presidente dell’Ordine dei geologi della Toscana, che traccia un quadro a tinte buie su quanto fatto per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. E soprattutto sul come è stato fatto. “Se si crede di aver messo in sicurezza una scuola su dati sostanzialmente inadeguati, non è detto che quell’edificio regga poi davvero al prossimo sisma”. Prosegue: “Non c’è nulla di peggio di una falsa sicurezza. Sembra quasi che ci si preoccupi ben più del numero di scuole formalmente ‘messe in sicurezza’ di quanto non si faccia per verificare l’ottemperanza non solo formale delle normative”.

Massimo ribasso, il vero pericolo. Se si guarda alla Toscana, “salta agli occhi come la stragrande maggioranza dei bandi, compresi quelli per la messa in sicurezza sismica degli edifici scolastici, si basa sul solo criterio del massimo ribasso, senza peraltro previsione alcuna di verifica della qualità delle offerte, senza stralciare offerte anomale né tantomeno verificare se, col ribasso ‘vincente’, si possa effettivamente fornire quanto necessario”. Qualità degli interventi, non quantità. La sicurezza non è un lusso. Per la presidente Fagioli, “se vogliamo una buona scuola, non ci si può accontentare del numero di scuole ‘messe in sicurezza’ a parole, ma deve essere certo che la messa in sicurezza è stata realizzata al massimo stato dell’arte in tutta la sua filiera, dagli studi preventivi fino alla realizzazione degli interventi. Lo dobbiamo all’intera collettività ma soprattutto a bambini ed adolescenti, perché non siano costretti a rischiare di morire sepolti vivi per poter studiare”.

E quando viene sottolineato a dirigenti ed amministratori delle pubbliche amministrazioni che “la qualità non è un optional, l’invariabile risposta (quando risposta c’è) lamenta l’insufficienza del budget disponibile, quasi che compito di amministratori e funzionari sia riempire caselle di un formulario e non garantire l’incolumità dei ragazzi, come se la qualità fosse un lusso che la collettività non può permettersi. Ma chi l’ha detto che è un lusso, un lavoro fatto bene non è necessariamente più caro di uno tirato via anche se, sicuramente, remunerare un professionista meno di un bracciante clandestino tende in genere a demotivarlo, quando non a impedirgli di fatto di fare tutto il suo dovere”.
I bandi devono valorizzare il ruolo e il lavoro del geologo. Tra i problemi c’è anche il fatto che “a vedere certi bandi, sembrerebbe quasi che l’indipendenza di giudizio e la possibilità di lavorare dignitosamente del geologo siano il nemico da battere, forse perché con una geologia fatta bene certi aborti urbanistici ed edilizi e tanti ecomostri non avrebbero potuto mai diventare realtà. Non solo gli incarichi sono a prezzi da fame, ma si ricorre addirittura ad escamotage tipo ‘Bando per manifestazione di interesse..’ per coprire ribassi a dir poco sospetti o incarichi in cui prestazioni professionali e servizi non sono, come dovrebbero per legge essere, adeguatamente distinti o ancora per aggirare il divieto di subappalto, sancito dalla Merloni e tuttora vigente, delle prestazioni geologiche. La sempre più diffusa marginalizzazione della relazione geologica, subordinata a favore delle prove che senza chi le interpreti non dicono nulla, è un segnale tanto chiaro quanto preoccupante”, continua Fagioli, presidente dell’Ordine dei Geologi della Toscana.

ToscanaIn Toscana. Nella regione sono ancora troppo pochi gli edifici a norma antisismica. “Ancora oggi nella nostra regione il numero di edifici strategici come scuole, municipi, caserme, ospedali, messi in sicurezza è esiguo. A fronte di un totale di diverse migliaia, solo su 1.500 sono stati effettuati gli studi geologico sismici e di questi solo 500 sono stati messi effettivamente in sicurezza“. La scorsa estate sono stati stanziati 56 milioni di euro per la ristrutturazione, la messa in sicurezza e l’adeguamento alle norme antisismiche, ma anche per il miglioramento energetico e la costruzione di nuovi edifici scolastici, per 63 edifici scolastici che la Regione aveva indicato come prioritari. “Il Servizio sismico regionale può contare su colleghi competenti e diligenti, ma competenza e diligenza di un minuscolo nucleo di controllori può poco se l’ottemperanza solo formale alle norme si dimostra andazzo prevalente”. La mappa del rischio in Toscana. Con 35 località colpite e 5 morti, nel 2014 la Toscana è stata tra le Regioni italiane maggiormente interessate dagli effetti dei disastri provocati da frane e inondazioni. Lo rileva il “Rapporto periodico sul rischio posto alla popolazione italiana da frane e inondazioni” elaborato da Irpi-Cnr. “La Toscana è una delle regioni geologicamente più fragili, con ampie porzioni di territorio soggette a rischio idrogeologico e a rischio sismico”, commenta Maria Teresa Fagioli. A dare un’idea della situazione sono i numeri di dell’indagine Irpi-Cnr sugli effetti dei disastri idrogeologici. La Toscana è fra le regioni Italiane per numero di sfollati nel 2014, sono stati oltre 2mila, e seconda nel periodo dal 1964 al 2013, oltre 67mila con anche 134 morti. Dal punto di vista sismico la situazione non è migliore. Su un totale di 287 Comuni, 92 sono ad alto rischio, 164 a rischio medio solo 24 sono a basso rischio, conclude l’Ordine dei Geologi della Toscana.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.