Lavoro, Camusso a Roma: “Inizia una stagione di mobilitazione straordinaria”

Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, in una foto del 15 gennaio 2014. ANSA/TONY VECE

Inizia “una stagione di mobilitazione straordinaria con l’idea che al termine di questa campagna poi partirà la raccolta delle firme per questa che è una proposta di legge di iniziativa popolare”. Così il segretario della Cgil, Susanna Camusso, alla presentazione della Carta universale dei diritti dei lavoratori, il nuovo statuto pensato dal sindacato di Corso Italia.

“Abbiamo bisogno di avere tutti la forza di reagire a una stagione che ha generato un po’ di rassegnazione. Servono forza e energia e per questo l’idea della consultazione interna tra gli iscritti della Cgil- sottolinea- anche per preparare la mobilitazione necessaria per questa proposta”. Camusso lancia una “sfida” che “propone il lavoro come punto di creazione della ricchezza del nostro paese ma anche punto di vita dignitoso delle persone”.

Parte, quindi, la consultazione straordinaria degli iscritti alla Cgil sulla Carta dei diritti universali del lavoro, ovvero un nuovo Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori. Il “nuovo” Statuto si misura con il cambiamento intervenuto nel mondo del lavoro negli ultimi anni ed èstato annunciato dalla leader del sindacato di Corso Italia, Susanna Camusso, nel corso di una conferenza stampa in piazza dei Cinquecento. La ‘Carta’ è una raccolta di norme destinate a tutto il mondo del lavoro, subordinato e autonomo, che a partire dai prossimi giorni sarà al centro delle assemblee nei luoghi di lavoro e dei pensionati, per la consultazione straordinaria delle iscritte e degli iscritti alla Cgil. L’obiettivo è ambizioso: farla diventare una legge d’iniziativa popolare “per ridare dignità” a tutti i lavoratori e a tutte le lavoratrici.

Fonte: agenzia dire

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7995 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.