3 dicembre 2016

Dakar Rally 2016 – Giorno 15, Tappa 13: MINI ottiene un altro formidabile risultato, alla Dakar

Ancora un successo per il marchio MINI nella Dakar: nella trentottesima edizione, Al•Attiyah (QAT) ed il navigatore Mathieu Baumel (FRA) si sono classificati come migliori tra gli equipaggi al volante di vetture a quattro ruote motrici. In classifica generale, il risultato provvisorio vede Stéphane Peterhansel come il più veloce in assoluto; congratulazioni anche alla Peugeot. Al•Attiyah, del AXION X•raid Team, ha ottenuto un secondo posto al termine di una prova combattutissima. Sul risultato ufficiale della gara pende un ricorso.

Al•Attiyah e Baumel, con la MINI ALL4 Racing n°300 si sono comportati in maniera superba, lungo i 9000 chilometri di gara, vincendo il confronto tra i veicoli 4×4, avendo in particolare la meglio sul deciso impegno messo in campo da Toyota. Due vittorie di tappa per Al•Attiyah / Baumel sono valse alla MINI ALL4 Racing il risultato ottenuto.

Nasser: “Salire sul podio è stato bello, ma sto già pensando, con tutta la fiducia che ho in me stesso, a schierarmi di nuovo tra i partenti della edizione 2017 e vincerla. Penso che avremmo essere primi, senza quell’unico errore che abbiamo commesso. Questa però è la Dakar, una gara lunga due settimane e dove chiunque può commettere un errore. Così è successo a molti tra i migliori; noi siamo saliti sul podio”.

L’affidabilità e le performance per le quali MINI ALL4 Racing sono famose, hanno proceduto di pari passo con la determinazione con quale gli equipaggi si sono battuti, ottenendo l’incredibile risultato di quattro MINI ALL4 Racing tra le migliori dieci. Un dato di grande rilievo già di per se stesso, ma ancor più sottolineato dal fatto che sette MINI ALL4 Racing hanno concluso tra le migliori quindici.

Altre celebrazioni, nel campo delle MINI ALL4 Racing, per l’ex stella del campionato WRC, Mikko Hirvonen (FIN) che, al debutto nella Dakar, è riuscito nella impresa di assicurarsi un meritatissimo quinto posto. Il pilota della n°315 del AXION X•raid Team, coadiuvato dal navigatore Michel Périn (FRA), ha ottenuto anche una splendida vittoria di tappa, affiancata, durante le tredici tappe, da una serie di piazzamenti tra i migliori cinque.

Hirvonen: “Sono felicissimo di essere qui, all’arrivo finale; due settimane fantastiche, durante le quali tutto ha funzionato a meraviglia. La vettura si è comportata bene, la squadra ha lavorato in maniera fantastica, Anche con Michel tutto è filato veramente liscio, per cui, complessivamente, si è trattato di una fantastica esperienza”.

L’equipaggio composto dalle stelle spagnole Joan ‘Nani’ Roma ed Alex Haro (AXION X•raid Team n°304) hanno guadagnato, al volante della MINI ALL4 Racing, una posizione tra i primi dieci, dopo un recupero sensazionale. L’inizio della edizione 2016 della Dakar non è stata a dir poco delle migliori, per loro, con la sfortuna che ha colpito duro quando sono rimasti bloccati nel fango per quarantacinque minuti, scivolando in tal modo indietro in classifica. Completare la Dakar è una cosa, ma riuscire a farlo piazzandosi tra i dieci più veloci è tutt’altra.

“E’ una sensazione strana, quella che sento qui sul traguardo finale” ha raccontato Roma. “Ovviamente non era il mio obiettivo, quando sono arrivato, lottare per la posizione poi ottenuta, ma si è trattato di una battaglia davvero dura. Un elemento positivo è senz’altro rappresentato dalla collaborazione con Alex, che ha compiuto un buon lavoro”.

Harry Hunt (GBR) ed Andreas Schulz (GER), sulla MINI ALL4 Racing n°323, sono il quarto equipaggio MINI ALL4 Racing piazzato tra i migliori dieci. Un risultato notevole, per il giovane britannico, alla sua prima esperienza nella Dakar. Una guida solida e la navigazione esperta di Schulz hanno fatto di questa Dakar un avvenimento che il pilota del X•raid team non dimenticherà mai.

Hunt: “Sono felicissimo. Non avrei potuto chiedere di più. Davvero. Prima Dakar, arrivando in fondo e tra i dieci meglio piazzati: tocco la luna. E’ stata una gara dura. Molto, molto dura. Però, la nostra prova è stata – relativamente – priva di guai. Molto è dovuto ad Andreas, che è capace di mantenere sempre la calma”.

Anche Orlando Terranova (ARG) ed il navigatore Bernardo ‘Ronnie’ Graue (ARG), in gara sulla n°310 del AXION X•raid Team, hanno dovuto ricorrere a tutta la loro esperienza per conquistare una posizione tra i migliori quindici. Così come Roma nella seconda tappa, anche Terranova è rimasto bloccato nel fango, perdendo molti minuti, che si sono poi combinati ad un altro ritardo, causa le pessime condizioni meteo.

Anche l’equipaggio olandese Erik van Loon e Wouter Rosegaar, sulla MINI ALL4 Racing n°306 del Van Loon Racing è stata costretto a combattere per rimediare agli effetti delle difficoltà patite nella prima parte. Terminare la Dakar tra i migliori quindici è il risultato incredibile di una Dakar incredibile, probabilmente la più bagnata che si ricordi.

Jakub ‘Kuba’ Przygonski (POL) ed Andrei Rudnitski (BLR) del ORLEN Team (#n°327)sono riusciti anch’essi, con la MINI ALL4 Racing, nella impresa di piazzarsi tra i top-quindici della graduatoria finale. Una volta di più, la decisione di un privato di scendere in campo nella Dakar 2016 al volante di una MINI ALL4 Racing ha pagato. Era la prima volta che l’ex pilota di moto fuoristrada Przygonski affrontava la Dakar su quattro ruote, ed il risultato ottenuto rende merito alla scelta della vettura.

Altre tre MINI ALL4 Racing hanno concluso con successo l’edizione 2016 della Dakar, nonostante le enormi difficoltà che hanno decimato l’elenco dei partenti causa il terreno e lo stress prodotto dal gareggiare nelle condizioni più ardue immaginabili.

Boris Garafulic (CHL) e Filipe Palmeiro (POR) con la n°313 del X•raid Team si sono uniti a Nazareno Lopez (ARG) / Sergio Lafuente (URU), X•raid Team n°351, ed Adam Malysz (POL) / Xavier Panseri (FRA) del ORLEN Team (n°325) nel celebrare l’impresa di essere risusciti a completare la Dakar.

Ancora una volta, la Dakar ha dimostrato di essere una gara che può mettere in ginocchio uomini e macchine in un colpo solo. Il fatto che dieci MINI ALL4 Racing siano riusciti ad arrivare in fondo, sottolinea la qualità del progetto e della realizzazione, ed anche del lavoro del servizio di assistenza e supporto garantito da X•raid.

Parlando della Dakar 2016, Sven Quandt, Team Manager di X•raid, ha affermato: “Le MINI ALL4 Racing hanno sfruttato i propri punti di forza ed i vantaggi che possiedono. Mi congratulo con Nasser che, ancora una volta, è stato capace di un passo che gli ha consentito di essere al vertice. Anche il risultato di Mikko è stato sensazionale – aver commesso così pochi errori al debutto in una prova come la Dakar è davvero cosa formidabile. Si è trattato di una gara estenuante, non solo per i piloti, ma per tutta la squadra. Sono orgoglioso dei nostri piloti e dei nostri meccanici: gente che non molla mai”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.