8 dicembre 2016

Caso Quarto, Di Pietro: “M5S vittima, è chiaro che loro sono in buona fede, informazione pubblica filogovernativa”

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 24-05-2011 Roma Politica Trasmissione televisiva"Porta a Porta" Nella foto Antonio Di PietroPhoto Roberto Monaldo / LaPresse 24-05-2011 Rome Tv program "Porta a Porta" In the photo Antonio Di Pietro

Antonio Di Pietro è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Di Pietro ha commentato i dubbi di costituzionalità sul ddl Cirinnà: “Sui diritti civili ognuno deve essere libero di fare e di pensare come crede. E’ importante la famiglia, è importante avere un padre e una madre, ma quando uno non ha nessuno ciò che conta è avere qualcuno che gli voglia bene. Bagnasco dice che sono altri i problemi del Paese? Mah, di problemi il Paese ne ha tanti, ma tra questi c’è anche quello legato a bambini che non hanno punti di riferimento e che devono essere cresciuti da qualcuno che gli voglia bene”.

Sul caso Quarto e sul Movimento Cinque Stelle: “Il dramma della delegittimazione l’ho vissuto come loro, più di loro e prima di loro. E’ chiaro che quando si costruisce qualcosa dal nulla la mela marcia può capitare. E’ impossibile sapere prima tutto ciò che può accadere. E’ chiaro che sicuramente sono in buona fede, nel Movimento ci sono tante persone che voglio dare un servizio al Paese. Se all’interno del Movimento c’è qualcuno che non ha avuto che ha sbagliato è giusto buttare fuori la mela marcia, ma non si può criminalizzare l’intero Movimento! Allora con il Partito Democratico che bisognerebbe fare? E con altri partiti? Il Movimento Cinque Stelle è una vittima in questa vicenda, in un territorio delicato qualcuno ha pensato di mettere qualcuno dei suoi all’interno di un gruppo che stava andando alla grande. Sul tema, attualmente, non condivido l’informazione pubblica, sempre più filogovernativa”.
Sull’idea di Fiano, di vietare la vendita di gadget fascisti:
 “Ogni volta che fai un divieto di questo genere, fai pubblicità alla cosa che vuoi vietare. Ma che ci fai col busto di Mussolini? A forza di parlarne trovi qualcuno che se lo compra”:

Audio http://www.radiocusanocampus.it/podcast?prog=1517&dl=6289

Fonte: Radio Cusano Campus