4 dicembre 2016

“Carol”, film da gustare, come il tepore che entra nel gelo dell’inverno

(L-R) KYLE CHANDLER and CATE BLANCHETT star in CAROL

Creatura sottovuoto, Manhattan, si vanta d ‘essere armoniosa e scintillante, nell’ inverno nevoso anni cinquanta: eppure gli uomini e le donne lottano fino in fondo per i propri sogni, non esistono miracoli.
Nel film “Carol” va in scena l ‘America apparentemente priva di screpolature: neve di polistirolo cade nei grandi magazzini e nelle ville riscaldate dalla Coca- Cola, glamour ed elegante, sa sempre cosa dire e cosa fare, si guarda allo specchio e si piace. Non ode le voci di propaganda che ringhiano nelle stanze segrete alla guerra fredda: il nemico è lontano, nelle gelide terre sovietiche. Il quotidiano non subisce traumi: il dramma se c’è, si consuma senza strappi a rallenty, sottraendo il pathos al mèlo. La sceneggiatura di “Carol” è tratta dal romanzo della scrittrice statunitense Patricia Highsmith (suoi i romanzi thriller psicologici riadattati  da Hitchcock, René, Minghella, Wenders, Cavani) che pubblicò in patria “The Prince of Salt/Carol”, con lo pseudonimo di Claire Morgan: autrice capace di scrivere (si veda in particolare “Il Ragazzo di Tom Ripley” dal quale fu tratto il film di Minghella) thriller efficaci con risvolti sentimentali. Quest’atmosfera di suspance e di emotività sempre latente, viene ben resa dalla regia di Haynes e dalla fotografia dell’ottimo Edward Lachman.
Fin dalle prime inquadrature si apprezza l’effetto di una  luce intensa e calda che richiama un certo modo di girare dei film classici hollywoodiani : anche i  movimenti di macchina seguono gli  interpreti del film  con inquadrature dal “taglio” classico. Eppure il regista Todd Haynes è avvezzo alla sperimentazione, come si vede in “Io sono qui”(2007),pirotecnico biopic anacronico su Bob Dylan, ove, la  Cate Blanchett, veste i panni di un Dylan  meditabondo, con grande effetto straniante. Dunque non sempre mèlo e poi ci sono quelli che vedono i personaggi incastrati in un contesto sociale opprimente e razzista, che sanno ricrearsi un mondo. In “Carol” l‘ effetto scandalo è attutito, non esplode in modo violento, investendo le vittime :il desiderio sommerso, si esprime acerbo attraverso  gli sguardi di Therese ( una strabiliante bravissima Roony Mara )
La commessa diciannovenne  che si innamora di Carol (una divina  Cate Blanchette). Therese è povera e sola al mondo, Carol è la moglie, ribelle ed anticonformista, di Arge Haird, un ricco uomo in affari ( il bravissimo ed efficace Kyle Chandler) e madre di una bambina.
Potrebbe sembrare il solito tran tran, racconto trito e ritrito, su quanto male faccia l’ universo borghese ai diversi o cosiddetti tali : ne saremmo assuefatti se così fosse. In questo caso, le due eroine, fuggono oppresse, emulando ,pur in un clima molto diverso, la fuga delle già note  “Thelma” e “Louise”: Carol e Therese vogliono essere antesignane, non chiedono all’ esterno, comprensione affetto, calore; lo producono dall’ interno quel calore quell’ appartenenza ,cosicchè si manifesti “A warm in the winter”. Che salto termico per un melodramma! Il regista Haynes ama il riscatto e la società “omofobica” perde consensi quando Harge vuole citare in tribunale la moglie per fatti morali e sottrarle l’ affidamento della piccola. Ecco che la divina Blanchett afferma il proprio status di madre. Insomma, si va fino in fondo senza curarsi delle conseguenze, con coraggio! Alla fine lo spettatore vede due donne che si amano, ma soprattutto due anime, al di fuori di un possibile range della “gradazione etero”, due anime che vibrano e con esse tutto il film. La lentezza del procedere in alcuni momenti narrativi, diviene la dolce attesa di un bel respiro finale. Una boccata d ‘aria pura. Un film che non irrompe, non pone postulati, manifesti,  racconta l’impossibile con autentica naturalezza, senza timore reverenziale, senza pudore. Candidato all’ Oscar (migliore attrice protagonista Cate Blanchett, miglior attrice non protagonista Rooney Mara)è un ‘opera corale recitata in modo egregio : bravissimi Sara Paulson nel ruolo di Abbie la cara amica di Carol e Jake Lacy  in quello di Richard lo spasimante di Therese. Film da gustare, come il tepore che entra nel gelo dell’inverno. Da vedere, da vedere.

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 59 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.