6 dicembre 2016

Camilla Filippi: “Tutto può succedere? Una serie che farà andare più veloce la RAI nel ringiovanire il pubblico”

L’attrice Camilla Filippi, in questi giorni protagonista del successo della fiction Rai “TUTTO PUO’ SUCCEDERE”, è intervenuta su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del format LINGUE A SONAGLI condotto dal cantautore Bussoletti in onda ogni sabato alle 14.

Ha sottolineato l’importanza di questa serie tv per lo scenario televisivo italiano e non ha lesinato qualche frecciatina al cinema nostrano.

Circa il successo di TUTTO PUO’ SUCCEDERE: “E’ una serie che cambia un po’ la tradizione delle fiction Rai, toccando delle tematiche diverse da quelle che ci sono in prima serata su Rai1. Questa serie è una spartiacque che farà andare un po’ più veloce la Rai. Speriamo che venga capito il tentativo di ringiovanire il pubblico”.

Sul male del cinema italiano: “Nel cinema è sempre riconosciuta di più la bravura degli uomini rispetto a quella delle donne. Maya Sansa per esempio è un genio. Ma basta vedere, nei film che si producono, i ruoli marginali che ci danno: difficilmente siamo nel pianeta del film, siamo nell’orbita esterna”.

Ancora sul male del cinema italiano remo: “Il vero male del cinema italiano è il pubblico. La gente ha dei preconcetti verso il nostro cinema spesso non conoscendolo. Ecco perché un horror italiano non incasserà mai come uno straniero. Mettiamoci poi che sono molto rari i produttori coraggiosi come Procacci che ha prodotto Diaz”.

Sulla provincia italiana: “Ho una famiglia particolare. In casa mia, per colpa dei medici, ho delle persone malate e non sopportavo quando camminavo a Brescia con i miei zii e qualcuno non ci salutava o ci guardava in modo strano perché non eravamo vestiti in modo classico firmato della provincia. Questa cosa mi faceva incazzare. Ho fatto l’attrice anche per tornare da queste persone e sputargli in faccia”.

Fonte: Radio Cusano Campus