9 dicembre 2016

Il Codacons ha presentato un nuovo esposto in Procura per la vicenda dell’aumento di capitale di Monte dei Paschi

Il Codacons ha presentato oggi un nuovo esposto in Procura per la nota vicenda dell’aumento di capitale di Monte dei Paschi di Siena del maggio 2015. L’operazione, infatti, fu eseguita con il beneplacito della Consob nonostante fosse chiarissimo ad entrambi i soggetti (controllata ed organo di controllo) che la gravissima situazione dei bilanci del MPS, per effetto delle compromissioni derivanti dall’operazione Nomura, dovesse essere chiaramente esplicitata nel prospetto informativo, indicando chiaramente che era in essere un’operazione in derivati mentre, al contrario, MPS ha cercato di occultare tale situazione facendola apparire come un’operazione su titoli di Stato. La Consob dal canto suo ha avallato tale operazione consentendo che l’operazione di aumento di capitale andasse in porto. Solo a dicembre ha imposto la modifica del bilancio 2014.
Negli esposti del Codacons depositati presso la magistratura si ipotizzano una serie di gravi reati: truffa, false comunicazioni sociali, Impedito controllo, Ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza , Falso in prospetto e abuso ed omissione di atti d’ufficio. Il titolo MPS – ricorda nella denuncia l’associazione – dal mese di maggio 2015 ha perso il 50% del suo valore, azzerando così gli investimenti degli azionisti sottoscrittori dell’aumento di capitale. A breve il Consiglio di Stato deciderà inoltre sul ricorso Codacons che chiede l’annullamento della delibera di approvazione dell’aumento di capitale del maggio 2015, e sul risarcimento del danno per gli azionisti, che il Codacons calcola in oltre 3 miliardi di euro.
Tutti gli investitori che hanno sottoscritto l’ultimo aumento di capitale di Monte dei Paschi di Siena possono fornire da oggi la preadesione all’azione risarcitoria contro Consob e presentare al pm la nomina come parte offesa. Per info e dettagli info@codacons.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.