6 dicembre 2016

Pomezia – Polemiche sul Consiglio comunale del 12 gennaio. La replica del Presidente del Consiglio Renzo Mercanti

 

In merito alle polemiche scatenate dai Consiglieri comunali del Pd di Pomezia durante il Consiglio comunale del 12 gennaio scorso, il Presidente Renzo Mercanti replica:

“Sono sconcertato dalle parole usate dal Pd di Pomezia, ma non mi meraviglio. Il mio stupore è invece rivolto, ancora una volta, verso la Consigliera e Capogruppo Pd Imperia Zottola che, nonostante due anni e mezzo di richiami al Regolamento e il buon clima che si registra ora in aula consiliare grazie alla maggioranza e a qualche Consigliere di minoranza, non perde occasione per andare oltre le regole del rispetto altrui. Nel Consiglio comunale in oggetto la Consigliera ha perso le staffe senza essere stata minimamente ‘offesa’, come invece asserisce, e come tutti i cittadini possono ascoltare e vedere sul sito http://www.magnetofono.it/streaming/pomezia/. Quando un Consigliere di maggioranza afferma di non essere d’accordo con lei, la Consigliera Zottola va in escandescenza perché le viene negato il cosiddetto ‘fatto personale’. Voglio ricordare a lei e a tutti che il ‘fatto personale’, come da Regolamento (art. 81), sussiste quando ‘siano attribuite ad uno degli intervenuti opinioni diverse da quelle espresse durante la discussione’. A quel punto la Consigliera ha iniziato a turbare l’andamento dei lavori con l’intento di ottenere un secondo intervento, non consentito dal Regolamento.

In qualità di Presidente ho invitato diverse volte la Consigliera alla calma e all’ordine, nel rispetto dell’assise e della buona educazione. Nonostante ciò la stessa Consigliera ha continuato ad urlare chiedendo a gran voce di essere allontanata.

A questo punto, essendo ormai ‘turbata la libertà della discussione e l’ordine necessario per il corretto svolgimento della seduta’ ho soddisfatto la sua richiesta allontanandola dall’aula fino alla fine della discussione del punto all’ordine del giorno, come da Regolamento (art.77): “6. Chiunque, nello svolgere l’intervento di cui al comma 2, usi espressioni sconvenienti od offensive o, con il suo contegno, turbi la libertà della discussione e l’ordine necessario al corretto svolgimento della seduta è richiamato dal Presidente.

  1. Qualora persista in tale comportamento è comminato dal Presidente un secondo richiamo.
  2. Nel caso in cui tale secondo richiamo venga ignorato, il Presidente del Consiglio Comunale ne dispone l’allontanamento fino all’esaurimento della discussione e della eventuale votazione dello specifico argomento iscritto all’ordine del giorno; ne è comunque disposta la riammissione nell’aula consigliare, prima della lettura da parte del Presidente del Consiglio Comunale del successivo argomento iscritto.”

Invito fin da ora la Consigliera Zottola a leggere attentamente il Regolamento, a rispettare le opinioni altrui, anche se discordanti, e soprattutto ad avere il giusto riguardo nei confronti degli avversari politici del luogo istituzionale in cui gli elettori l’hanno collocata”.