5 dicembre 2016

Orte – Elezioni, lo scenario politico visto dall’Associazione Facciamo per Cambiare

Si è entrati nel vivo del fermento per le prossime elezioni comunali ad Orte ed abbiamo chiesto all’Associazione facciamo Per Cambiare cosa ne pensa dello scenario che si sta delineando. L’Associazione esprime il suo punto di vista in una nota che pubblichiamo.

“Noi abbiamo sempre sostenuto la centralità e l’inderogabilità per qualsiasi compagine che aspiri ad accedere a Palazzo Nuzzi, del rispetto dei valori cardine che dovrebbero essere propri di qualunque amministrazione.

Valori come legalità, coerenza e trasparenza dell’azione amministrativa dovrebbero essere il faro che illumina ogni scelta politica, eliminando quegli interessi particolari dei singoli o di singoli gruppi che hanno condizionato le amministrazioni sia a livello locale che nazionale.

Siamo sorpresi che neanche in questo momento si parli di questi valori come condizione imprescindibile di qualsiasi incontro pre-elettorale, almeno tra i “più accreditati”. Notiamo che anche le formazioni che in un passato recente avevano fatto cenno a molti temi (come ad esempio agli affidamenti diretti) come prassi amministrative sbagliate, oggi tacciono sulle problematiche chiare e diffuse che, per effetto della gestione ordinaria dovuta al commissariamento del Comune di Orte, continuano a ripresentarsi.

L’Associazione intende mantenere i riflettori accesi sul fatto che il sistematico ricorso ad affidamenti diretti per lo svolgimento di opere pubbliche ordinarie, crea di per sé una frattura nel tessuto sociale e il risultato avrebbe avuto ben altro valore se ottenuto attraverso una valutazione comparativa di rilievo pubblico, anche qualora l’impresa aggiudicataria fosse la medesima.

La sensazione diffusa è che chi sembra proporsi oggi come alternativa all’ultima amministrazione, taccia scientemente su tali argomenti. Forse per paura di rovinare potenziali alleanze elettorali con coloro i quali hanno contribuito in prima persona a prendere quelle decisioni, o con chi non si è opposto efficacemente alle stesse. Notiamo che l’evitare di assumersi le proprie responsabilità dirette o indirette è un fenomeno generalmente diffuso anche ad Orte.

Questa diversa cultura della “coerenza”, della “responsabilità” del “modo di intendere la politica”, ci fa temere che potremmo purtroppo non assistere ad una sostanziale inversione di tendenza sul modo di governare la città nonostante un – più o meno reale – possibile avvicendamento dei soggetti a Palazzo Nuzzi.

Gli interessi o le ambizioni personali potrebbero continuare a guidare la mano dei futuri amministratori e questa è la preoccupazione della nostra Associazione.

Questo è sembrato purtroppo emergere ad alcuni incontri a cui siamo stati invitati, nel tentativo di coinvolgerci nell’arena politica, tra lusinghe e richieste di collaborazione a vario titolo.

Noi pensiamo che il momento elettorale deve essere solo, appunto, un “momento” di un discorso politico più ampio, fondato principalmente su valori e programmi di governo che si trasfondono poi in seri e approfonditi progetti politici.

Orte merita di essere amministrata dalla migliore classe politica possibile”.