6 dicembre 2016

Unioni civili, Imma Battaglia: “Non condivido l’azione di gay.it. Renzi ha lasciato libertà di coscienza ai 30 senatori”

Imma Battaglia, ex capogruppo Sel al Comune di Roma e attivista per i diritti degli omosessuali, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Trenta senatori cattolici del Pd si sono schierati contro la stepchild adoption (adozione del figlio del partner) prevista dal ddl Unioni civili. Il sito Gay.it ha deciso di pubblicare la lista dei loro nomi sui social network. “Non condivido l’azione di gay.it –ha affermato Battaglia- perché Renzi ha lasciato libertà di coscienza a questi senatori. Questi 30 appartengono a varie correnti all’interno del Pd, tra cui quella conservatrice. Per me non sono interlocutori, dovranno rispondere alla loro coscienza personale e dovranno rispondere al fatto di appartenere a un partito in cui sono tutti lecchini di Renzi, che si è detto favorevole al ddl Cirinnà ma poi lascia libertà di coscienza. Renzi è il re delle buffonate, dei populismi, delle sparate. Per non prendersi la responsabilità del risultato che ci sarà, che io credo sarà negativo, ha lasciato libertà di coscienza. E’ la solita azione da paraculo fatta da chi pensa di avere davanti a sé elettori ed elettrici stupidi che riconosceranno che lui si era dichiarato a favore”.

Il retroscena sulla caduta di Marino a Roma. “Perché con quei 30 senatori –ha aggiunto Battaglia- Renzi non si è imposto come ha fatto a Roma per far cadere Marino? Emissari del premier hanno costretto 19 consiglieri del Pd a Roma a dimettersi sotto ricatto. Gli hanno detto che se non si fossero dimessi sarebbero stati cacciati dal partito. Perché in questo caso non si comporta come ha fatto in quella circostanza? Sicuramente una frangia del Pd si stava organizzando per non votare le dimissioni di Marino, la corrente legata alle forze del Pd romano. Erika Battaglia e Marco Palumbo ad esempio erano particolarmente dispiaciuti. Berlusconi contro la step child adoption? Non mi sorprende. Quando governava era sempre stato antagonista dei diritti civili. Ora ha cambiato idea, ma il fatto che oggi voti contro è più per una questione politica, per andare contro il governo”.

Fonte: Radio Cusano Campus